Cia: dopo crollo 40% prezzo Parmigiano subito misure urgenti

Apa

Roma, 4 giu. (askanews) - E' allarme prezzi per il Parmigiano Reggiano negli ultimi 4 mesi (-20%), con la pandemia che ha accentuato un trend negativo cominciato gi nel 2019. Il crollo ha aggravato una situazione pesantemente compromessa, determinando una discesa dei listini del 40% da novembre dello scorso anno a oggi. Cos Cia-Agricoltori Italiani, che sottolinea il rischio per la sostenibilit economica di produttori e allevatori, con quotazioni all'origine che non consentono nemmeno di coprire i costi di produzione.

Oltre al danno congiunturale dell'emergenza Covid, che ha congelato gli sbocchi commerciali dell'Horeca e depresso l'export, si aggiunge un problema strutturale di squilibrio fra domanda e offerta, causato da politiche di programmazione che necessitano una urgente revisione.

Per contrastare la crisi, Cia chiede, pertanto, al Consorzio del Parmigiano una forte azione di contrasto alla crisi in atto, sia nella pianificazione che nell'acquisizione di nuovi mercati. Cia sta lavorando con gli uffici competenti affinch vengano utilizzate tutte le risorse pubbliche rese disponibili dai decreti Liquidit e Rilancio, come i fondi emergenziali per le filiere in crisi e quello per gli indigenti, per poter ritirare il prodotto in eccedenza e alleggerire l'esubero dell'offerta.

Per Cia necessaria una nuova visione prospettiva del mercato che tuteli la sostenibilit economica degli allevatori, compromessa dal crollo del valore all'ingrosso del noto formaggio Dop. Servono, dunque, strumenti di filiera e di pianificazione produttiva che garantiscano livelli remunerativi adeguati ai produttori, oltre a soluzioni rapide ed efficaci nel caso si verifichino crisi analoghe a quella in corso.