Cia riparte il 2 luglio con il webinar Il Paese che vogliamo

Red/Apa

Roma, 30 giu. (askanews) - Torna il "Il Paese che Vogliamo", il progetto di Cia-Agricoltori Italiani che mette al centro l'agricoltura e il rilancio delle aree interne per lo sviluppo del territorio nazionale. Un piano inaugurato la scorsa estate con un roadshow da Nord a Sud Italia, inevitabilmente interrotto dal lockdown, ma che adesso - alla luce degli stravolgimenti provocati dall'emergenza Coronavirus - diventa ancora pi strategico e importante.

Il nuovo appuntamento della "fase 2" de "Il Paese che Vogliamo" si terr gioved 2 luglio, alle 15, in videoconferenza. Titolo e tema saranno di stretta attualit: "Superare l'emergenza. I sistemi produttivi del territorio: modello per ripartire", con l'intervento delle rappresentanze Cia, coordinate dal presidente nazionale Dino Scanavino, ed esponenti autorevoli delle istituzioni nazionali.

Moderati dal giornalista Enrico Cisnetto, sono stati invitati a partecipare infatti: Teresa Bellanova, ministra delle Politiche agricole; Giuseppe Provenzano, ministro per il Sud; Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute; Anna Ascani, sottosegretario di Stato per l'Istruzione. E ancora: Marco Bussone, presidente Uncem; Ivano Vacondio, presidente Federalimentare; Mauro Lusetti, presidente Alleanza Cooperative Italiane; Patrizia De Luise, presidente Confesercenti; Filippo Gallinella, presidente Commissione Agricoltura della Camera; Barbara Saltamartini, presidente Commissione Attivit produttive, Commercio e Turismo; Alessandro Canzian, Head of Corporate Sale di Vodafone Business Italia; Fulvio Bonavitacola, coordinatore IV Commissione Infrastrutture.

Nell'occasione, verr presentato il report di Nomisma su "Il ruolo economico e produttivo dell'agroalimentare di fronte alla sfida del Covid-19", che analizzer l'andamento del settore e dei consumi alimentari nel periodo dell'emergenza e fornir un quadro di scenario del prossimo futuro. Accanto, la relazione tecnica di Giorgio De Rita del Censis su "La tenuta sociale dei territori". L'evento ha il patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione europea.