1 / 10

L'indagine sui rider

Nel corso di un accertamento "campione" effettuato questa estate, gli investigatori hanno documentato la presenza di 3 clandestini su 30 rider controllati a Milano. Alcuni datori di lavoro dei rider avrebbero inoltre spiegato agli inquirenti di essere soltanto semplici mediatori tra i locali e gli stessi ciclofattorini.

Cibo a domicilio, il lato oscuro del mondo dei rider

Dallo sfruttamento alla sicurezza stradale, dalla "vendita di identità" alle condizioni igienico-sanitarie nei luoghi di lavoro. Sono solo alcuni degli aspetti su cui la Procura di Milano ha aperto un'indagine e che riguardano l'universo rider. I fattorini che consegnano cibo a domicilio sono in continuo aumento, soprattutto nel capoluogo lombardo, e spesso lavorano senza contratto, senza tutele di alcun tipo e senza aver ricevuto un minimo di formazione. Ecco quali sono i temi caldi del fenomeno.

GUARDA ANCHE: Chi sono i riders

LEGGI ANCHE: Il caporalato si diffonde tra i rider. E sfrutta chi non ha il permesso di soggiorno

LEGGI ANCHE: Il 28% dei rider assaggia il cibo che consegna. Lo rivela un'indagine