Ciccozzi: "La variante Delta è molto contagiosa, per fermarla bisogna moltiplicare i test"

·1 minuto per la lettura
- (Photo: hp - getty)
- (Photo: hp - getty)

Completamento delle vaccinazioni, sorveglianza e tracciamento. Queste le mosse necessarie per impedire al Covid-19 di continuare a mutare secondo Massimo Ciccozzi, direttore dell’Unità di Statistica medica ed Epidemiologia molecolare dell’Università Campus Biomedico di Roma intervistato dal quotidiano Il Messaggero.

A chi gli domanda se la variante Delta, che sta causando un nuovo picco di contagi in Uk, soppianterà presto quella inglese anche in Italia, lo scienziato replica:

“La probabilità c’è [...] Noi non dovremmo avere una grossa presenza, per il momento. Però, visto che la variante Delta è molto più contagiosa di quella inglese, è ovvio che se il virus continua a circolare, il pericolo che si diffonda presto ovunque c’è”.

Ciccozzi spiega il perché della maggior contagiosità:

“Il virus riesce a entrare meglio nelle cellule e quindi a infettarle di più”.

Secondo lo scienziato, i test finora utilizzati vanno aggiornati per evitare che la variante possa sfuggire e pone l’accento sull’importanza del sequenziamento.

“Alcuni, infatti, fanno vedere che si è in presenza di una variante, ma non indicano di quale variante si tratti. Quindi la soluzione è fare il sequenziamento [...] Per tenere a bada l’epidemia il virus dovremmo anticiparlo. Significa cioè incrementale la sorveglianza sulle sequenze di genoma”.

Infine, lo scienziato rassicura sottolineando che “per il momento le varianti sono ancora coperte dalle due osi di vaccino, ma noi dobbiamo fare in modo che il virus non circoli e non crei nuove mutazioni”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli