Ciclismo: al via 95mo giro d'Italia, partenza piu' a nord della storia

(ASCA) - Roma, 4 mag - Il Giro d'Italia 2012 ha gia'

stabilito il primo record: grazie al via domani da Herning in

Danimarca sara' la corsa a tappe con la partenza piu' a Nord

della storia. Ed anche la seconda e terza tappa si correranno

nel paese scandinavo. Sono 22 le squadre e 198 i ciclisti

iscritti alla corsa rosa, giunta alla 95ma edizione. Dal 5 al

27 maggio, i corridori saranno chiamati a percorrere ben 3504

km: dalla terra di Amleto a Milano passando per Appennini e

Alpi: lo spettacolo, come sempre, non manchera'. Gli

organizzatori, proprio per garantire il massimo dello show,

hanno previsto 6 arrivi in salita: Rocca di Cambio, Lago

Laceno, Cervinia, Lecco/Pian dei Resinelli, Alpe di Pampeago

e Passo Stelvio. A proposito della tappa che si concludera'

sullo Stelvio, da rilevare che sara' una frazione con

addirittura 6.000 metri di dislivello. Le prove a cronometro

sono 3: il prologo di Herning (8,7 km), la cronometro a

squadre di Verona (33,2 km) e l'ultima tappa, la crono di

Milano (30,1 km), che dunque non sara' piu' la solita

passerella, ma una tappa vera e propria che potrebbe decidere

le sorti del Giro e decretare il nuovo padrone della maglia

rosa.

I candidati alla vittoria finale sono anche quest'anno

molti, con qualcuno evidentemente piu' favorito rispetto agli

altri. C'e' grande attesa, in particolare, per capire di cosa

sono capaci i nostri Michele Scarponi (il favorito dei

bookie), Ivan Basso e Damiano Cunego. Da loro ci si aspetta

sicuramente molto, ma la concorrenza straniera e' anche

quest'anno ricca e di qualita': innanzitutto occhio al

lussemburghese Frank Schleck, ma anche al ceco Roman

Kreuziger e al francese John Gadret. Anche per le vittorie di

tappa, i nomi sono tanti, anche se tutti i riflettori saranno

puntati sul campione del mondo il britannico Mark Cavendish.

A ruota seguono il norvegese Thor Hushovd e l'australiano

Matthew Goss, mentre per quanto riguarda gli italiani,

potrebbero recitare un ruolo da protagonisti anche Daniele

Bennati e Alessandro Ballan.

I corridori iscritti alla corsa rosa sono appunto 198, ma

c'e' un numero, il 108, che non e' stato assegnato a nessuno.

Si tratta del numero di Wouter Weylandt, lo sfortunato

corridore scomparso lo scorso anno in seguito ad una caduta

nella terza tappa del Giro 2011. Proprio per ricordalo, il

108 e' stato ritirato per sempre.

Ricerca

Le notizie del giorno