Cicutto: non potevamo dare stesso spazio a aggressori e aggrediti

·1 minuto per la lettura
featured 1598075
featured 1598075

Venezia, 19 apr. (askanews) – “Non potevamo immaginare di dare la stessa possibilità di essere presenti a chi aggredisce e a chi è aggredito. Del resto non siamo stati noi a cancellare la presenza russa, sono stati loro stessi con le dimissioni degli artisti e dei curatori e poi con la comunicazione ufficiale della commissaria. Abbiamo invece cercato di agevolare in tutti i modi la presenza ucraina, non solo con il loro padiglione e due eventi collaterali in città, ma mettendo a disposizione uno spazio per gli altri artisti che manderanno delle opere che sicuramente saranno focalizzate sui temi della guerra”. Lo ha detto il presidente della Biennale di Venezia, Roberto Cicutto, in occasione della preview della 59esima Mostra internazionale d’Arte che inaugurerà ufficialmente il 23 aprile.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli