Cile, indagine Amnesty: volontà deliberata di colpire manifestanti -2-

Red/Orm

Roma, 21 nov. (askanews) - Secondo l'Istituto nazionale dei diritti umani, almeno cinque persone sono morte per mano delle forze di sicurezza e oltre 2300 sono state ferite: di queste, 1400 sono state raggiunte da colpi di arma da fuoco e 220 hanno subito gravi traumi agli occhi.

La Procura ha registrato oltre 1100 denunce di maltrattamenti e tortura e 70 denunce di violenza sessuale a carico di pubblici ufficiali. Secondo i carabineros, nessun pubblico ufficiale è stato ucciso e vi sono stati circa 1600 feriti - 105 in modo grave - tra le forze di sicurezza.

Le manifestazioni, iniziate a metà ottobre per protestare contro l'aumento delle tariffe del trasporto pubblico, si sono poi estese alla richiesta di una società più giusta in cui lo stato garantisca diritti quali quelli alla salute, all'acqua, all'educazione e alla qualità della sicurezza sociale, in un paese profondamente iniquo.

Amnesty International ritiene che le violazioni dei diritti umani e i crimini di diritto internazionale commessi dalle forze di sicurezza non siano fatti isolati o sporadici ma, invece, costituiscano una costante del modus operandi praticato in tutto il paese principalmente dai carabineros. Il livello di coordinamento richiesto per sostenere la repressione violenta delle proteste nel corso di un mese fa ragionevolmente concludere che vi siano responsabilità ai più alti livelli per aver ordinato o aver tollerato la repressione. Ciò, naturalmente, dovrebbe essere chiarito attraverso indagini indipendenti e imparziali.

La decisione del presidente Piñera di dispiegare l'esercito nelle strade a seguito della proclamazione dello stato d'emergenza ha avuto conseguenze catastrofiche. Sia coloro che hanno deciso di affidare all'esercito il controllo delle manifestazioni con l'uso della forza letale, sia coloro che hanno sparato contro le persone che manifestavano, causando morti e feriti gravi, devono essere sottoposti a indagini e, ove vi siano prove sufficienti, essere giudicati da un tribunale indipendente e imparziale. (Segue)