Cile modello da seguire per vaccinazione: ecco perché

·1 minuto per la lettura
Cile immunità gregge
Cile immunità gregge

Il Cile è uno dei Paesi in cui la campagna di vaccinazione contro il Coronavirus sta avendo maggiore successo. Secondo la Cnn, infatti, è il quinto con il tasso di vaccinazione pro capite più alto. Ogni 100 persone ce ne sono 12,43 che hanno già ricevuto le dosi. Un modello, dunque, da seguire per raggiungere l’immunità di gregge.

Il modello Cile

La strategia messa in atto dal Cile ha permesso di acquistare 35,7 milioni di dosi, che saranno sufficienti per vaccinare senza difficoltà il 90% della popolazione. Il successo sta nel fatto di essersi aggiudicati ben cinque tipologie diverse di vaccino: 10 milioni di dosi del Pfizer/Biontech e altre 10 milioni del Sinovac, per poi raggiungere ulteriori accordi con Astrazeneca, Covax e Johnson & Johnson.

La velocità della campagna di vaccinazione, invece, è data dal fatto che le dosi stanno venendo somministrate sostanzialmente in qualsiasi spazio pubblico: dai centri medici in sé fino alle Università. I primi sono stati operatori sanitari e anziani, mentre adesso è il turno di funzionari pubblici, insegnanti e farmacisti. Entro marzo dovrebbero avere ricevuto il vaccino 5 milioni di persone. Un risultato che condurrà presto verso l’immunità di gregge.