Cile, stato di emergenza a Santiago dopo proteste violente

Bea

Roma, 19 ott. (askanews) - E' stato dichiarato lo stato d'emergenza nella capitale del Cile, Santiago, a seguito di una protesta contro l'aumento dei prezzi dei trasporti pubblici che è degenerata in violenze. I manifestanti, in maggioranza studenti liceali e universitari, hanno saltato i tornelli, devastato varie stazioni della metropolitana, acceso fuochi e fermato il traffico, causando danni in tutta la città e lasciando a piedi migliaia di pendolari.

La tv ha mostrato immagini dei manifestanti che lanciano pietre, attaccano veicoli della polizia e danno fuoco ad almeno un autobus. La polizia antisommossa ha usato manganelli e lacrimogeni contro alcuni manifestanti. (Segue)