Cina, 33esimo anniversario della repressione di Tienanmen

featured 1616423
featured 1616423

Roma, 4 giu. (askanews) – Era il 4 giugno 1989 quando il regime comunista cinese inviò carri armati e truppe per reprimere i manifestanti pacifici che avevano occupato per settimane l’iconica Piazza Tienanmen per chiedere un cambiamento politico e la fine della corruzione. Trentatré anni dopo si celebra quel giorno, ma in Cina non è prevista alcuna commemorazione pubblica. Così anche a Hong Kong dove la polizia ha avvertito che qualsiasi manifestazione sarebbe stata illegale.

Per 33 anni Pechino ha fatto tutto il possibile per cancellare dalla memoria collettiva quel lontano 4 giugno 1989. Lo schiacciamento del movimento causò centinaia di morti, più di mille secondo alcune stime.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli