Cina ammette "carenze" nella risposta al coronavirus

Ihr

Roma, 4 feb. (askanews) - La massima autorità cinese ha ammesso per la prima volta delle "carenze" nella risposta del Paese allo scoppio dell'epidemia di coronavirus. Lo scrive la Bbc.

La rara ammissione è arrivata dal Comitato permanente del Politburo, che ha chiesto un miglioramento del sistema di gestione delle emergenze in Cina.

Il Politburo ha anche ordinato una "severa" repressione nei mercati illegali della fauna selvatica dove si pensa che il virus sia originato.(Segue)