Cina, azienda di formazione New Oriental licenzia 60mila dipendenti

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 10 gen. (askanews) - La compagnia di formazione privata cinese New Oriental & Technology ha licenziato circa 60mila dipendenti su 105-200 lo scorso anno. L'ha annunciato il presidente del gruppo Yu Minhong, mettendo in luce una situazione grave generatasi dopo che il governo cinese ha messo in campo nuove regole che impongono alle compagnie che offrono dopo-scuola di essere no-profit.

Yu, che è un co-fondatore della compagnia, ha annunciato che la compagnia verrà ristrutturata e rimborserà i costi prepagati per un ammontare di 20 miliardi di yuan (2,75 miliardi di euro) si concentrerà sulle vendite livestream e su altri settori.

"Ora New Oriental dovrà essere estremamente frugale", ha scritto Yu sul suo blog personale di WeChat, secondo quanto riferisce Nikkei Asia. "Abbiamo comi nciato a mangiare nei ristoranti comuni: il vino è cambiato da quello buono a quello ordinario".

New Oriental, che era considerata una grande storia di successo tanto a ispirare anche un film di Hollywood, lo scorso anno aveva annunciato di attendersi un taglio di 40mila posti di lavoro. Rispetto al picco raggiunto un anno fa, le azioni della compagnia hanno perso il 90 per cento del loro valore.

A novembre Yu ha annunciato che, assieme ad altre centinaia di insegnanti, lancerà vendite online di prodotti agricoli e fertilizzanti sull'onda del grande successo avuto dai venditori livestream, spesso diventati miliardari con questo tipo di marketing, anche se il governo di Pechino ha recentemente messo nel mirino anche questo settore.

Due settimane fa una controllata, Dongfang Zhnxuan, ha lanciato vendite live sulle piattaforme Douyin, la versione cinese di TikTok.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli