L'Europa siamo noi: Macron-Merkel-Juncker incontrano Xi a Parigi martedì, mossa di attacco a Conte

Angela Mauro

Cina a cena, tav a colazione. Non è un gioco di parole ma il 'menu' politico di Giuseppe Conte qui a Bruxelles, all'ultimo consiglio europeo di questa legislatura prima delle europee. Ultimo in teoria, perchè il caos Brexit potrebbe determinare un consiglio straordinario la settimana prossima. Di Torino-Lione il presidente del Consiglio parlerà domani mattina presto con Emmanuel Macron, primo bilaterale dopo lo scontro tra Roma e Parigi sulla Tav. Si vedrà. Ma intanto è sulla Cina che il capo del governo italiano è costretto a digerire un boccone indigesto questa sera. A meno di due giorni dalla firma a Roma del Memorandum con Pechino tanto criticato a livello europeo e dagli Usa, mentre il presidente Xi Jinping è già in Italia per la storica firma di sabato, una nota dell'Eliseo annuncia che martedì a Parigi Macron insieme ad Angela Merkel e al presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker incontreranno Xi, fresco fresco del viaggio in Italia.

E' la risposta europea alla mossa unilaterale italiana di firmare l'intesa con il Dragone. 'Europea' in realtà è un parolone. Questa è la risposta del solito asse franco-tedesco, rinsaldato a gennaio con il Trattato di Aquisgrana, insieme alla Commissione europea. Della serie, Roma vuole fare da sola con Pechino, l'Ue invece si muove insieme, l'Italia è isolata, l'Ue 'siamo noi': Germania, Francia e il solito Juncker. Una mossa elettorale, naturalmente, europeisti contro il governo populista italiano, ma questa è anche una mossa di affari. Di fatto, Xi è ufficialmente il piatto che i paesi europei si contendono di più: Berlino e Parigi sono leader nell'export verso il Celeste impero.

Invece sulla Tav, domani ci sarà il primo chiarimento con Macron. Conte e il presidente francese partono da posizioni opposte e all'orizzonte non si intravede una sintesi. Dieci giorni fa, dopo la pubblicazione delle manifestazioni di interesse da parte della Telt, la società italo-francese per la...

Continua a leggere su HuffPost