Cina, crescita accelera: possibile +15-20% in primo trimestre

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 15 mar. (askanews) - L'economia cinese ha registrato nei primi due mesi del 2021 un balzo in avanti, grazie alla forte accelerazione della domanda interna e internazionale e ovviamente al fatto che nei primi due mesi dello scorso anno l'economia della Repubblica popolare era nel pieno della chiusura pandemica. Secondo gli analisti, interpellati dal Global Times, nei primi due mesi dell'anno il Pil è cresciuto a un livello da far ipotizzare per il primo trimestre un +15-20 per cento su base annua.

Il 2020 è stato un anno difficile per tutte le economie mondiali, ma la Cina è riuscito a chiuderlo con una crescita del Pil del 2,3 per cento, unica tra le grandi economie ad aver chiuso l'anno in territorio positivo. Tuttavia, il primo trimestre è stato caratterizzato da un lockdown rigido per mettere sotto controllo il coronavirus, che ha portato a un calo del Pil del 6,8 per cento.

Per quest'anno l'obiettivo del governo cinese è raggiungere un aumento del Pil del 6 per cento.

L'Ufficio nazionale di statistica cinese ha segnalato oggi che la produzione industriale è cresciuta nel primo bimestre del 35,1 per cento su base annua, mentre lo scorso anno nello stesso periodo c'era stata una contrazione del 13,5 per cento.

Per quanto riguarda le vendite al consumo, a gennaio e febbraio sono aumentate su base annua del 33,8 per cento, mentre lo scorso anno nello stesso periodo erano calate del 20,5 per cento.

Gli investimenti in asset fissi sono aumentati del 35 per cento, rispetto calo del 24,5 per cento del primo bimestre dello scorso anno.