Cina critica Usa per inserimento aziende Pechino in blacklist

·1 minuto per la lettura
Bandiera cinese e bandiera statunitense davanti all'ufficio di un'azienda a Shanghai

WASHINGTON (Reuters) - La Cina ha criticato gli Stati Uniti per aver inserito una dozzina di aziende cinesi nella blacklist commerciale per questioni di sicurezza nazionale e di politica estera, citando in alcuni dei casi il contributo delle società allo sviluppo degli sforzi di calcolo quantistico dell'esercito cinese.

L'aggiunta di tali aziende alla lista nera del dipartimento del Commercio degli Stati Uniti giunge in un momento di forti tensioni tra Pechino e Washington in merito allo status di Taiwan e a questioni commerciali.

Il dipartimento ha anche affermato che diverse entità e individui provenienti da Cina e Pakistan sono stati aggiunti alla blacklist per aver contribuito alle attività nucleari o ai programmi di missili balistici del Pakistan.

In totale, 27 nuove entità provenienti da Cina, Giappone, Pakistan e Singapore sono state aggiunte alla lista.

La Cina si oppone fermamente alle sanzioni sulle aziende cinesi e presenterà solenni rimostranze agli Stati Uniti, ha detto nel corso di una conferenza stampa Shu Jueting, portavoce del ministero del Commercio cinese.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Sabina Suzzi, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli