Cina, domani grande celebrazione per i 100 anni del PCC

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 giu. (askanews) - Xi Jinping domani terrà un discorso solenne in occasione delle celebrazioni dei cento anni dalla fondazione del Partito comunista cinese, collocandosi così nella storia in una posizione preminente, pari probabilmente solo a quella del fondatore della Repubblica popolare cinese Mao Zedong.

C'è grande attesa per le celebrazioni di domani. Una Cina ormai seconda potenza economica mondiale e principale concorrente geopolitica della superpotenza statunitense, sugellerà il centenario della fondazione del partito-stato, che ha di fatto sostituito la burocrazia imperiale pre-rivoluzionaria portando il paese al superamento delle umiliazioni storiche subite dalle potenze coloniali nel XIX e nella prima metà del XX secolo.

Gli occhi degli osservatori saranno ovviamente puntati sul palco delle commemorazioni. Una delle domande che gli analisti si fanno è se, accanto al leader, davanti alla Porta della pace celeste ci saranno i suoi predecessori - Jiang Zemin e Hu Jintao - oppure la figura di Xi sarà simbolicamente in una posizione superiore a quella di tutti gli altri.

Di certo si sa che si terrà una grande parata con la quale s'intende rappresentare tutti i settori della società cinese e l'evoluzione storica della stessa a partire dalla rivoluzione. Non sarà strettamente una di quelle parate militari alle quali il potere cinese ci ha abituati, ma non mancherà un volo degli aerei da guerra J-20, che sono i caccia di ultima generazione dell'aeronautica di Pechino.

Secondo quanto ha appreso il South China Morning Post da una fonte che ha potuto assistere alle prove, tutto è stato studiato per porre Xi sullo stesso piano di Mao: il fondatore della Rpc aveva, in un famoso discorso del 1949 sulla piazza Tiananmen, invocò che il popolo cinese tornasse a innalzare la sua posizione; l'attuale presidente segna il momento in cui la Cina è tornata sulla ribalta mondiale da protagonista assoluta.

Il politologo dell'Università di Nanchino Gu Su, parlando con il SCMP, ha detto di attendersi che Xi rivendichi il fatto che la via socialista scelta dal popolo cinese si è dimostrata giusta: "Dirà che gli ultimi 100 anni hanno dimostrato che la via cinese è giusta, la leadership del Partito comunista è corretta e che il partito non ha mai perso la strada rispetto alla sua missione originaria".

La cerimonia, in realtà, non sarà probabilmente come la stessa leadership l'aveva immaginata solo un anno e mezzo fa. Le restrizioni collegate al Covid-19 terranno lontana la popolazione di Pechino, che potrà assistervi come tutti i cinesi solo in televisione.

Anche per il grande spettacolo di fuochi pirotecnici svoltosi lunedì nello stadio olimpico di Pechino, i 20mila spettatori presenti erano dirigenti e quadri del partito non comuni cittadini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli