Cina, giro di vite contro gli influencer della finanza online

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 gen. (askanews) - Le autorità regolatorie cinesi intendono intervenire ulteriormente sugli influencer delle piattaforme online, imponendo una licenza a quelli che fanno marketing di prodotti e servizi finanziari. Lo segnala oggi il South China Morning Post.

Pechino sta da tempo cercando di porre dei paletti alle attività delle piattaforme internet che offrono anche servizi finanziari. Il caso più eclatante è stato alla fine del 2020 lo stop alla quotazione in borsa di Ant Group, il braccio fintech di Alibaba.

Una bozza di regolamento emessa dalla Banca del popolo cinese e dal Ministero dell'Industria e della tecnologia dell'informazione afferma coloro che hanno licenze "nella specifica categoria industriale" può promuovere prodotti e servizi finanziari attraverso servizi live-streaming e social media.

Questo regolamento metterà fuori legge le vendite di assicurazioni bancarie e di servizi assicurativi online da parte di influencer.

Il regolamento è stato pubblicato oggi sul sito internet della banca centrale cinese. La procedura, prima che entri in vigore, prevede ora un mese di dibattito pubblico.

Quando entrerà in vigore, andrà a impattare su un business molto remunerativo per gli influencer e per le celebrità che promuovono prodotti finanziari complessi online.

I regolatori hanno già più volte avvertito dei rischi associati alla vendita il live-streaming di prodotti finanziari.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli