Cina: il Covid ritorna a Wuhan, 7 casi dopo mesi d’assenza

·1 minuto per la lettura
 (Photo by Getty Images)
(Photo by Getty Images)

Il Covid-19 ritorna a Wuhan, il luogo da cui è partita la pandemia da SarsCoV2. Sette lavoratori migranti sono risultati positivi ai test e si trovano ora negli ospedali designati per i relativi trattamenti. Lo hanno reso noto le autorità del capoluogo dell'Hubei, che hanno sollecitato il rispetto delle regole anti-Covid, tra cui l'uso della mascherina in pubblico, il distanziamento e a lavarsi frequentemente le mani.

GUARDA ANCHE: Perché la variante Delta è più contagiosa? La risposta arriva da uno studio cinese

In Cina, il focolaio della variante Delta scoperto a Nanchino, che le autorità hanno fatto risalire ad alcuni lavoratori delle pulizie a bordo di un volo dalla Russia, si è diffuso in 14 province ed è arrivato nell'area di Pechino, a Chengdu e nella megalopoli di Chongqing.

Nel Paese sono stati registrati solo domenica altri 98 casi, aggiornando così i massimi giornalieri del 2021, e spingendo le autorità locali ad adottare nuove misure restrittive come il rinvio dell'apertura delle scuole.

GUARDA ANCHE: La delegazione OMS a Wuhan fa una scoperta incredibile

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli