Cina, la paura del coronavirus spinge il telelavoro

Cina, la paura del coronavirus spinge il telelavoro

Pechino, 12 feb. (askanews) – La paura del coronavirus spinge centinaia di milioni di cinesi verso il telelavoro e ad attività online, con scuole, aziende, studi medici o musei che si rifugiano nel Web per proteggersi.

Eric Yang, amministratore delegato di iTutorGroup con sede a Shanghai, afferma che l’attività della sua società di istruzione online è aumentata del 215%.

Questa migrazione verso Internet è stata persino implicitamente convalidata dal presidente Xi Jinping. L’economia della Cina sta rallentando a causa dell’epidemia: molte fabbriche, aziende e società sono chiuse. E il governo incoraggia le persone a lavorare a casa per evitare contatti.