Cina, a marzo peggiore calo dello yuan sul dollaro da agosto 2019

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 31 mar. (askanews) - La valuta cinese, yuan, ha registrato nel mese di marzo il peggiore calo rispetto al dollaro da agosto 2019. Lo scrive oggi il Financial Times, sullo sfondo della guerra commerciale Usa-Cina che è sopravvissuto al cambio al potere a Washington.

Il renminbi, nome ufficiale della valuta cinese, è calato rispetto al dollaro dell'1,4 per cento nel mese di marzo, con la valuta verde quotata 6,57.

Ad agosto 2019 dagli Usa nei confronti di Pechino veniva l'accusa di essere manipolatrice della valuta.

Il calo di marzo ha praticamente eroso i guadagni ottenuti da inizio anno, quando la valuta cinese aveva goduto della volontà degli investitori di capitalizzare il dato positivo della crescita cinese dello scorso anno, in un anno di profonda crisi pandemica in tutto il mondo.

La caduta inoltre, secondo il FT, riflette anche il dilemma di fronte al quale si trovano i dirigenti cinesi, indecisi se ritirare il costoso programma di stimolo a fronte del ritorno dell'economia a livelli di crescita pre-pandemici.