In Cina perse le tracce di scomodo reporter da Wuhan

Orm

Roma, 9 feb. (askanews) - Timori per la sorte di un giornalista indipendente (un citizen journalist) autore di scomode cronache da Wuhan, di cui si sono perse le tracce da due giorni.

Dopo l'ondata di sdegno e richieste di libertà di espressione seguite alla morte di Li Wenliang, il medico che per primo aveva parlato del nuovo coronavirus e per questo era stato redarguito dalla polizia, ora in rete, racconta la Cnn, stanno comparendo messaggi allarmati su Chen Qiushi, 34 anni. Arrivato a Wuhan il 24 gennaio, il giornalista partecipativo da giovedì sera non è più contattabile. Inutili i tentativi della famiglia e degli amici. Poi le voci di una messa in quarantena forzata.(Segue)