Cina, polizia colpisce gruppo che sottotitola film stranieri

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 feb. (askanews) - La Cina ha messo in atto un'azione repressiva nei confronti dei gruppi di "fansub", cioè di utenti web che, in maniera non ufficiale, sottotitolano film e serie straniere. La polizia di Shanghai - ha reso noto oggi il Global Times - ha arrestato 14 persone sospettate di appartenere al "Renren Film and Television Subtitle Group" con l'accusa di violazione della proprietà intellettuale.

Renren è il più diffuso dei siti cinesi dove vengono diffuse serie e show televisivi stranieri sottotitolati, secondo l'accusa, illegittimamente.

L'operazione di polizia, incentrata su 20mila episodi di show televisivi stranieri rispetto ai quali si sospetta la violazione dei diritti, è avvenuta in realtà a settembre, ma la notizia è emersa oggi nell'ambito di una discussione online su Sina Weibo, il "Twitter cinese", che ha avuto ben 220 milioni di visualizzazioni e 82mila post.

Secondo la polizia il gruppo forniva film e serie ottenute da forum privati stranieri agli spettatori cinesi. I sottotitoli venivano realizzati da traduttori pagati 400 yuan (51 euro) a episodio. I membri registrati alla App e al sito internet del gruppo sono più di 8 milioni.