Cina: rischio corsa ad armamenti dopo test missilistico Usa -3-

Mos/Mgi

Roma, 20 ago. (askanews) - Inoltre, il trattato prevedeva la possibilità di reciproche ispezioni per la verifica della distruzione delle testate: ben 2.291 missili entro il 1991, quasi tutti quelli di media gittata (fra 500 e 5.500 chilometri) e il 4% del totale degli arsenali nucleari.

L'Inf mise di fatto fine ad una mini-corsa agli armamenti scatenata dal dispiegamento sovietico dei missili SS-20, in grado di colpire le capitali europee; la Nato rispose con i Pershing IA e II. La "crisi degli Euromissili" portò a un'ondata di manifestazioni pacifiste in tutta Europa.