Cina sanziona Pelosi per visita "provocatoria" a Taiwan

La presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi visita il Parlamento giapponese a Tokyo

PECHINO (Reuters) - La Cina ha deciso di sanzionare la presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, e la sua famiglia in risposta alle sue azioni "aggressive" e "provocatorie".

Lo ha detto il ministero degli Esteri cinese.

"Nonostante le serie preoccupazioni e la ferma opposizione della Cina, Pelosi ha insistito nel visitare Taiwan, interferendo seriamente negli affari interni della Cina, minando la sovranità e l'integrità territoriale della Cina, calpestando la politica di un'unica Cina e minacciando la pace e la stabilità dello Stretto di Taiwan", dice un portavoce del ministero in un comunicato.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli