Cina, Sinopharm: riusciremo a distribuire i vaccini necessari

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 mar. (askanews) - Sinopharm, il grande gruppo farmaceutico statale cinese, ha visto nel 2020 un incremento dei suoi profitti del 13,9 per cento. Lo ha riferito il suo presidente Liu Yong, secondo quanto riportato dal South China Morning Post, assicurando anche che il gruppo sarà in grado di fornire la logistica per la distribuzione dei vaccini anti-Covid necessari perché Pechino raggiunga il suo obiettivo di immunizzare 500 milioni di persone entro giugno.

Sinopharm, il cui nome inglese ufficiale e China National Pharmaceutical Group e la cui proprietà è statale, è una società quotata alla borsa di Hong Kong. E' il principale gruppo farmaceutico cinese.

"Come principale compagnia del paese che opera nella logistica del freddo per i prodotti farmaceutici, stiamo facendo preparativi per distribuire i vaccini", ha detto Liu, segnalando di "non essere in grado di dire esattamente di quanto si potrà rafforzare la gestione logistica, ma certamente ci sarà un grande incremento".

Il governo cinese punta a vaccinare il 40 per cento della sua popolazione, cioè più di 500 milioni di cittadini, entro il mse di giugno. Fino a metà marzo ha vaccinato solo 65 milioni di persone e per raggiungere questo obiettivo dovrà effettuare 4 milioni di inoculazioni al giorno.

Le entrate di Sinopharm sono cresciute fino a 456,4 miliardi di yuan (70,1 miliardi di dollari), con un incremento del 7,3 per cento sull'anno precedente. Il profitto si è attestato a 12,1 miliardi di yuan (1,85 miliardi di dollari).

La Cina al momento ha approvato quattro vaccini contro Covid-19. Due sviluppati da Sinopharm, uno da Sinovac e un altro da Cansino. Non è stato ancora apperovato, invece, il vaccino Pfizer BioNTech.