Cina spinge su McDonald’s perché accetti yuan virtuale

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 20 ott. (askanews) - La Cina ha ordinato a McDonald's di espandere la possibilità di pagamenti in yuan digitali nei suoi ristoranti prima delle Olimpiadi invernali di Pechino. Lo riferisce oggi il Financial Times.

Tre fonti hanno confermato al FT che il governo di Pechino sta facendo pressioni su compagnie Usa affinché si dotino dei sistemi per accettare la valuta digitale ufficiale cinese, che è sul trampolino di lancio.

All'interno di un progetto pilota, McDonald's già oggi accetta in 270 dei suoi ristoranti a Shanghai la valuta digitale attraverso app sullo smartphone. Ma il governo vorrebbe che questo sistema di pagamento venga allargato a tutto il paese.

Una delle fonti, inoltre, ha segnalato che anche la Visa - principale sponsor delle Olimpiadi - e la Nike sono sotto pressione in questo senso.

Dall'interno degli organismi regolatori cinesi, afferma ancora il Ft, alcune fonti hanno negato che siano in corso pressioni su aziende americane perché accettino gli e-CNY.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli