Cina, terremoto nel Sichuan: sale a 74 il bilancio delle vittime

Continuano le operazioni di soccorso in Cina, nella provincia sudoccidentale del Sichuan, alle prese con le scosse di assestamento dopo il terremoto di magnitudo 6.8 che lunedì scorso ha colpito la zona.

Bilancio tragico: 74 vittime, oltre 250 feriti e 26 dispersi, secondo i dati riferiti dalla Televisione di Stato cinese.

Chengdu: lockdown e terremoto

Il sisma ha causato gravi danni agli edifici anche a Chengdu, capoluogo del Sichuan, metropoli di 21 milioni di abitanti, da qualche giorno nuovamente sottoposti ad un ulteriore lockdown locale anti-Covid.
Un'emergenza dietro l'altra, per i residenti di Chengdu...

Nella Contea di Luding, Prefettura autonoma del Tibet di Ganzi, sempre nella provincia di Sichuan, le scosse hanno causato gigantesche frane e smottamenti di terreno.

Il Sud-ovest della Cina è una zona molto sismica.
Già nel giugno di quest'anno, un terremoto di magnitudo 6.1 provocò quattro vittime e anche nel 2021, proprio a settembre, la provincia di Sichuan è stata colpita da un altro forte sisma, magnitudo 6.0, che causò tre vittime e numerosi feriti.
Nel 2017, un'ennesima forte scossa, magnitudo 7.0, provocò un centinaio di morti. 
Nel 2008, nel Sichuan, ci furono decine di migliaia di vittime per un terremoto di magnitudo 8.0.