Cina, Washington Post: Pechino a caccia di dati sui social occidentali

·1 minuto per la lettura

Pechino non sorveglia soltanto i social cinesi ma anche quelli occidentali, alla ricerca di informazioni su obiettivi stranieri. Lo denuncia il Washington Post, che ha esaminato bandi e contratti per oltre 300 progetti governativi cinesi dall'inizio del 2020.

Fra questi un programma da 320mila dollari per analizzare Facebook e Twitter e creare un database su giornalisti e accademici stranieri. Oppure un programma dell'intelligence della polizia per monitorare le conversazioni social occidentali su Hong Kong e Taiwan. Ma anche una centrale informatica nello Xinjiang per catalogare i contenuti nella lingua della minoranza uigura sui social stranieri.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli