Cina, Xi: "Taiwan sarà riunificata"

·1 minuto per la lettura

Il presidente cinese Xi Jinping ha promesso di realizzare la "riunificazione" di Taiwan, senza però fare cenno all'uso della forza. Parlando nella Grande Sala del Popolo di Pechino in occasione dell'anniversario della rivoluzione, Xi ha detto che la Cina ha una "gloriosa tradizione" nell'"opporsi al separatismo" e che il separatismo di Taiwan "è l'ostacolo più grande per raggiungere la riunificazione alla madre patria e il più grave pericolo nascosto per il ringiovanimento nazionale".

Xi ha affermato che "la riunificazione con mezzi pacifici è quella più in linea con l'interesse generale della nazione cinese, compresi i compatrioti di Taiwan", aggiungendo che Pechino proteggerà la propria sovranità e unità. “L'obiettivo storico di completare la riunificazione alla madre patria deve essere raggiunto e sarà certamente raggiunto", ha detto ancora il presidente cinese.

Le parole di Xi giungono dopo settimane di forti tensioni tra Pechino e Taipei, con sullo sfondo il confronto più ampio tra Cina e Stati Uniti.

Il presidente cinese ha poi lanciato un monito: "Nessuno dovrebbe sottovalutare la solida determinazione del popolo cinese, la sua ferma volontà e la sua forte capacità di difendere la sovranità nazionale e l'integrità territoriale" della Cina. "La questione di Taiwan - ha aggiunto - è una questione puramente interna per la Cina, che non tollera interferenze esterne".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli