Cinema: è morto Enzo Sciotti, disegnatore di locandine cult di film horror

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 12 apr. – (Adnkronos) – Enzo Sciotti, famoso autore di poster cinematografici, specializzato nella cartellonistica dei film horror, è morto all'età di 76 anni. L'annuncio della scomparsa è stato dato dal suo account ufficiale su Instagram: "Ciao a tutti gli amici virtuali, da oggi non potrò più farvi vedere i miei manifesti, di cui sono tanto orgoglioso, è stato un piacere e un onore interagire con tutti voi. Io sono volato via e vi tengo tutti nel cuore. Alla prossima vita".

Con più di tremila manifesti realizzati, Sciotti è stato uno dei più grandi pittori e illustratori italiani di poster per il cinema, segnando con il suo stile artistico anche la grafica di numerose produzioni homevideo tra gli anni '80 e '90. Ha lavorato in Italia e all'estero per creare i poster di film di tanti maestri come Dario Argento, Lucio Fulci, Mario Bava, Sam Raimi, David Lynch e Ettore Scola.

Nato a Roma il 24 settembre 1944, figlio di un decoratore di chiese e discendente da una generazione di pittori, Enzo Sciotti cominciò a lavorare giovanissimo in uno studio di cartellonistica cinematografica di Cinecittà. Horror, fantascienza e commedia all'italiana sono stati tre punti fermi nella produzione del disegnatore romano. Nel corso della sua carriera ha creato, tra le tante, le locandine di "Velluto blu" di Lynch con Isabella Rossellini; "Fandango" di Kevin Reynolds; "…E tu vivrai nel terrore! L'aldilà", "Quella villa accanto al cimitero", "Lo squartatore di New York", "Manhattan Baby", "Il miele del diavolo" di Fulci.