Cinema: è morto Harvey Evans, attore e ballerino dell'età dell'oro di Broadway

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

New York, 26 dic. – (Adnkronos) – L'attore e ballerino statunitense Harvey Evans, interprete dell'età dell'oro di Broadway, star di numerosi musical che dal palcoscenico sono stati portati anche al cinema, è morto alla vigilia di Natale all'età di 80 anni in una casa di riposo nel New Jersey, l'Actors Fund Home di Englewood. L'annuncio della scomparsa è stato dato da un amico, l'attore e ballerino Lawrence Leritz, che è stato anche produttore e regista di Broadway.

Nato il 7 gennaio 1941 a Cincinnati, nello stato dell'Ohio (Usa) come Harvey Hohnecker, si è guadagnato un posto in spettacoli indimenticabili dei palcoscenici teatrali di New York. Nel 1957 Evans debuttò nel cast di "West Side Story", lo stesso anno in cui esordì al cinema con la commedia musicale "Il giuoco del pigiama" di George Abbott e Stanley Donen. Evans è stato poi tra gli interpreti di "Redhead", con Gwen Verdon, e "Gypsy" con Ethel Merman. Ha recitato al fianco di Angela Lansbury in "Anyone Can Whistle" e ha interpretato Barnaby in "Hello, Dolly!" al fianco di Carol Channing, e poi al fianco di Betty Grable ed Eve Arden. Dagli agli anni '70 è apparso in altri musical di Broadway, come "The Boy Friend", "Follies" e "Barnum", recitando in teatro fino al 2002, con "Oklahoma!".

Al cinema ha recitato e ballato nella storica trasposizione di "West Side Story" (1961) di Jerome Robbins e Robert Wise ed ha avuto un piccolo ruolo anche nel remake di Steven Spielberg appena uscito nelle sale. Tra gli altri suoi film "Operazione terrore" di Blake Edwards (1962), "Mary Poppins" di Robert Stevenson (1964), dove era uno dei ballerini delle strepitose danze sincronizzate, e "Come d'incanto" di Kevin Lima (2007).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli