Cinema: è morto Richard Rush, il regista di 'Professione pericolo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Los Angeles, 13 apr. – (Adnkronos) – Il regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense Richard Rush, che ottenne la nomination all'Oscar per la sua commedia deliziosamente dark "Professione pericolo" (1989) con Peter O'Toole, è morto giovedì scorso per cause naturali nella sua casa di Los Angeles all'età di 91 anni. L'annuncio della scomparsa è stato dato oggi dalla moglie Claude a "The Hollywood Reporter", sottolineando che suo marito "ha dimostrato un'incredibile voglia di vivere ed è sopravvissuto per 18 anni con un trapianto di cuore".

Nato a New York il 15 aprile 1929, come regista agli inizi della carriera Rush ha diretto i film ambientati nell'effervescente mondo giovanile americano come "Angeli dell'inferno sulle ruote" (1967) e "Psych-out – Il velo sul ventre" (1968) – entrambi con un giovane ed esuberante Jack Nicholson – a cui si aggiunge "Thunder Alley" (1967). Rush ha diretto e prodotto una delle prime commedie poliziesche di Hollywood, "Una strana coppia di sbirri" (1974), con Alan Arkin e James Caan.

Rush ha anche diretto e prodotto "L'impossibilità di essere normale" (1970), una commedia controculturale alla moda con Elliott Gould e Candice Bergen che è stato uno dei primi film incentrati sulla guerra del Vietnam. Ha concluso la carriera di regista con "Il colore della notte" (1994) interpretato da Bruce Willis e Jane March.