Cinema: addio a Charles Grodin, delizioso attore buffo in tante commedie

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Los Angeles, 19 mag. – (Adnkronos) – L'attore statunitense Charles Grodin, che ha incantato il pubblico con il suo umorismo buffo, sobrio e goffo in film come "Il rompicuori", "Prima di mezzanotte" e "Beethoven", è morto nella sua casa di Wilton, nel Connecticut, all'età di 86 anni. Come ha annunciato il figlio Nicholas, il padre era malato di un tumore al midollo spinale.

Era nato il 21 aprile, Pittsburgh, in Pennsylvania, come Charles Grodinsky. Allievo di Lee Strasberg, debuttò a Broadway nel 1962 e al cinema nel 1964 con "Sex and the College Girl". Rifiutato il ruolo da protagonista ne "Il laureato" (1967) di Mike Nichols, Grodin interpretò l'ostetrico in "Rosemary's Baby" (1968) di Roman Polanski. Si affermò come protagonista con "Il rompicuori" (1972) di Elaine May, tratto da una commedia di Neil Simon. E' stato l'impresario petrolifero Fred Wilson nel kolossal "King Kong" (1976).

Grodin ha recitato in numerose commedie, tra cui "La signora in rosso" (1984) di Gene Wilder, "Il paradiso può attendere" (1978) di Warren Beatty, "Bastano tre per fare una coppia" (1980), "Lo strizzacervelli" (1988), "Prima di mezzanotte" (1988) di Martin Brest accanto a Robert De Niro. L'attore ha raggiunto l'apice della carriera interpretando George Newton, il nevrotico padre di famiglia alle prese con un cane San Bernardo nel film "Beethoven" (1992) e nel sequel "Beethoven 2" (1993). Tra le sue ultime apparizioni quella nel film "Giovani si diventa" (2014), accanto a Ben Stiller e Naomi Watts. Numerose anche le sue partecipazioni a serie tv.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli