Cinema: addio a George Segal, star di commedie spensierate tra anni '60 e '70 / Adnkronos

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 24 mar. – (Adnkronos) – Attore di tante e celebri commedie spensierate, icona del cinema tra gli anni '60 e '70, sfiorò l'Oscar nel 1967 con "Chi ha paura di Virginia Woolf?" come miglior interprete non protagonista: George Segal è morto nella sua casa di Santa Rosa, in California, all'età di 87 anni. L'annuncio della scomparsa è stato dato dalla terza moglie, Sonia Schultz Greenbaum, precisando che l'attore statunitense è deceduto per "le complicazioni di un'operazione di bypass cardiaco".

Nato a Great Neck, nello stato di New York, il 13 febbraio 1934, prima di intraprendere la carriera cinematografica George Segal aveva frequentato la Columbia University e si era occupato di jazz. Esordì con una piccola parte in "Giorni senza fine" (1961) con Fredric March e nello stesso anno, sempre con March, debuttò a Broadway. La Columbia Pictures lo lanciò come interprete principale in "Qualcuno da odiare" (1965), a cui seguì "La nave dei folli" (1965) di Stanley Kramer. In seguito ottenne il ruolo che lo rese acclamato: quello del giovane professore di biologia di "Chi ha paura di Virginia Woolf?" (1966), dove ebbe come partner Sandy Dennis, che interpretava la moglie ingenua, accanto a Elizabeth Taylor e Richard Burton. Entrambi furono candidati all'Oscar e la Dennis lo vinse. E' stato l'agente segreto di "Quiller memorandum" (1966) e il gangster nel "Massacro del giorno di San Valentino" (1967) e soldato nel "Ponte di Remagen" (1969).

Le inclinazioni di Segal per la commedia leggera si rivelano appieno con "Non si maltrattano così le signore" (1968), dove interpreta la parte di un detective un po' timido e diffidente, coinvolto in una delicata storia d'amore con una bella donna testimone di un misterioso delitto, che lo aiuterà a sfuggire ai dominio della madre. Nel 1970 Segal è interprete di due commedia di successo come "Il gufo e la gattina", in coppia con Barbra Streisand, e "Senza un filo di classe".