Cinema America, Zingaretti: arrestare immediatmete aggressori

Voz

Roma, 28 lug. (askanews) - "Un altro ragazzo picchiato perché portava una maglietta del Cinema America. Un'associazione di ragazze e ragazzi che fa cultura nei quartieri della Capitale. Smettiamola con un Ministro degli Interni che diffonde l'odio". Lo afferma il segretario del Pd, Nicola Zingaretti con un post su Facebook. "Vengano immediatamente arrestati gli aggressori. Sia garantita la sicurezza a tutti. Si rafforzino le forze dell'ordine pilastro della nostra democrazia che invece sono senza contratto di lavoro da oltre 200 giorni. All'alleanza dell'odio - conclude - contrapponiamo l'alleanza delle persone perbene che credono in un futuro di sviluppo e solidarietà".

  • Ragazzi morti a Terni, Boschini (San Patrignano): "Mai vista una cosa simile"
    Notizie
    Adnkronos

    Ragazzi morti a Terni, Boschini (San Patrignano): "Mai vista una cosa simile"

    "Sono in questo ambiente da 50 anni, ne ho viste di tutti colori, conosco ogni singola storia e comportamento di tossici e persone problematiche, ma mai avevo sentito una simile notizia. Mi ha sconvolto". Così all'Adnkronos Antonio Boschini, responsabile terapeutico della Comunità di San Patrignano, commenta la morte di Flavio Presuttari e Gianluca Alonzi, i due ragazzi di Terni, 16 e 15 anni, ritrovati senza vita dai genitori nelle rispettive camere da letto martedì mattina. Letale potrebbe essere stata una dose di metadone. "Conosco bene quel mondo - prosegue - e sono rimasto senza parole. Non solo per la tragedia delle famiglie, perché penso non ci sia dolore più grande per un genitore di perdere un figlio in quel modo, ma per il dramma in sé. Siamo arrivati al punto che due ragazzini, non tossici, che quasi sicuramente non hanno mai fatto uso di eroina, si siano procurati del metadone e lo abbiano ingerito. Non conoscendo minimamente i rischi che stavano correndo. E' davvero un fatto insolito che deve farci riflettere". Boschini ha voluto poi lanciare l'allarme. "Ci stiamo avvicinando a quello che succede in America da anni, dove si registra una vera 'epidemia' di oppiacei, venduti regolarmente come fossero farmaci per curare mal di testa e dolori ossei. Prima venivano somministrati solo su prescrizione ai malati terminali, ora non è più così. E a questo punto il rischio è che possa succedere in Italia. Conosco tanti ragazzi che mi raccontano di averlo a disposizione e di venderlo. Ma si tratta di tossicodipendenti in cura che lo sostituiscono all'eroina. Non di due ragazzi nemmeno maggiorenni. E' impressionante solo pensarla una cosa simile". Sulle responsabilità dell'accaduto il responsabile terapeutico di San Patrignano non ha dubbi. "Non credo affatto sia colpa dei genitori. Ormai la noia e la moda portano a compiere queste azioni folli. Si esorta all'uso della droga in ogni dove, anche nei testi di alcune canzoni rap. E allora il corto circuito è facile che si inneschi. Messaggi negativi ti portano dal farti una canna a prenderti del metadone quando poco prima stavi giocando a pallone in parrocchia. Se non sei abituato poi vai incontro ad una morte lenta. Come poi è successo a questi giovani ragazzi".

  • Coronavirus, 91 in quarantena dopo un matrimonio nel Padovano
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Coronavirus, 91 in quarantena dopo un matrimonio nel Padovano

    Ben 91 persone sono finite in quarantena per due settimane dopo un matrimonio tra due sposi di origine congolese celebrato lo scorso 27 giugno a Cittadella, in provincia di Padova.

  • Yoko Ono assistita 24 ore su 24 “come se avesse 400 anni”
    Spettacolo
    Yahoo Notizie

    Yoko Ono assistita 24 ore su 24 “come se avesse 400 anni”

    “Yoko Ono ha 87 anni ma vissuti come fossero 400. Come tutti alla sua età è un po’ rallentata nel parlare, ma è acuta come sempre”.

  • Allarme Covid, la decisione del Premier Conte
    Notizie
    notizie.it

    Allarme Covid, la decisione del Premier Conte

    Su proposta del premier Giuseppe Conte, lo stato di emergenza potrebbe essere prorogato fino al 31 dicembre 2020.

  • Enzo Salvi: "Fa progressi grazie al vostro amore"
    Notizie
    notizie.it

    Enzo Salvi: "Fa progressi grazie al vostro amore"

    Pochi giorni dopo l'aggressione subita, Enzo Salvi ha informato i propri fan che che condizioni del pappagallo Fly sono in netto miglioramento.

  • La cantante sta vivendo una nuova storia d'amore
    Spettacolo
    notizie.it

    La cantante sta vivendo una nuova storia d'amore

    Anna Tatangelo ha un nuovo fidanzato. La vita sentimentale dopo Gigi D'Alessio.

  • Elicottero precipita nel Tevere: individuato il velivolo
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Elicottero precipita nel Tevere: individuato il velivolo

    Alcuni testimoni avrebbero visto il velivolo toccare i fili dell'alta tensione e cadere nel fiume, inabissandosi. Le operazioni di recupero - a quanto riferito - non dovrebbero iniziare prima di sabato.

  • "Polmonite sconosciuta e letale" in Kazakistan: lo Stato nega
    Notizie
    Yahoo Notizie

    "Polmonite sconosciuta e letale" in Kazakistan: lo Stato nega

    "Il tasso di mortalità di questa malattia è molto più elevato del Coronavirus", a riferirlo l'ambasciata cinese nell'ex Repubblica Sovietica

  • L'attore ha svelato i motivi della rottura con la sua compagna
    Spettacolo
    notizie.it

    L'attore ha svelato i motivi della rottura con la sua compagna

    Massimo Boldi e Irene Fornaciari si sono lasciati. Le parole dell'attore.

  • Zanardi, da martedì ipotesi di uscita dal coma farmacologico
    Notizie
    Adnkronos

    Zanardi, da martedì ipotesi di uscita dal coma farmacologico

    Permangono stabili, con un quadro neurologico definito sempre "grave", le condizioni di Alex Zanardi, ricoverato in prognosi riservata dal 19 giugno scorso nel reparto di terapia intensiva del policlinico universitario di Santa Maria alle Scotte di Siena. L'ex pilota di Formula 1, che da quando è in ospedale, è stato sottoposto a tre interventi da parte dello staff di specialisti che lo stanno seguendo, è sempre in coma farmacologico.  L'ipotizzato risveglio graduale, con la riduzione della sedazione, sarà valutato a partire dalla prossima settimana. Già martedì o mercoledì i medici potrebbero decidere di ridurre il coma farmacologico per verificare il quadro neurologico dopo il violento impatto del campione paralimpico che è andato a sbattere contro un tir con la sua handbike, mentre percorreva la strada provinciale 146 nel tratto tra il comune di Pienza e il comune di San Quirico d'Orcia (Si). Nel frattempo davanti all'ingresso del policlinico senese sono apparsi una bandiera tricolore con la scritta "Forza Alex siamo tutti con te" e un paio di striscioni dove si legge "Angelo non mollare, sei il nostro guerriero" e "Angiolè te vulimm bene".

  • Napoli, investe con l'auto 6 persone: morta una 27enne
    Notizie
    Askanews

    Napoli, investe con l'auto 6 persone: morta una 27enne

    Arrestato. In prognosi riservata un'altra incinta che ha partorito

  • Graziani parla della rottura tra l'ex tronista e il fidanzato: che intenzioni ha il pallavolista?
    Notizie
    DonneMagazine

    Graziani parla della rottura tra l'ex tronista e il fidanzato: che intenzioni ha il pallavolista?

    Alessandro Graziani ha parlato della fine della storia tra Giovanna Abate e Sammy Hassan, facendo una confessione che lascia perplessi.

  • Il contagio risale, Rt sopra 1 in 5 regioni
    Salute
    Adnkronos

    Il contagio risale, Rt sopra 1 in 5 regioni

    Le stime dell'indice di contagiosità Rt "tendono a fluttuare in alcune regioni in relazione alla comparsa di focolai di trasmissione che vengono successivamente contenuti. Si osservano pertanto negli ultimi 14 giorni stime superiori a 1 in 5 regioni dove si sono verificati recenti focolai". E' il quadro tracciato nel report dell'Istituto superiore di sanità e del ministero della Salute, con i dati del monitoraggio della situazione in Italia nella settimana dal 29 giugno al 5 luglio.  Le 5 regioni italiane con indice di contagiosità Rt superiore a 1, sono l'Emilia Romagna e il Veneto entrambe a quota 1,2; la Toscana (1,12); il Lazio (1,07); il Piemonte (1,06). La Lombardia, regione che essendo stata estremamente colpita da Covid-19 mantiene la fetta più grande di nuovi casi, ha un Rt sotto 1 a 0,92. All'altro estremo la Basilicata che resta con un Rt a quota zero.  "Persiste l'assenza di segnali di sovraccarico dei servizi assistenziali", rassicurano gli esperti. Seppur in diminuzione, però, "in alcune realtà regionali continuano ad essere segnalati numeri di nuovi casi elevati", si avverte nel report. "Questo deve invitare alla cautela in quanto denota che in alcune parti del Paese la circolazione di Sars-CoV-2 è ancora rilevante. In quasi tutte le regioni sono stati diagnosticati nuovi casi di infezione nella settimana di monitoraggio corrente, con casi in aumento rispetto alla precedente settimana di monitoraggio in alcune. Tale riscontro in gran parte è dovuto all'intensa attività di screening e indagine dei casi con identificazione e monitoraggio dei contatti stretti".  La situazione descritta, relativa prevalentemente alla seconda metà di giugno 2020, è "complessivamente positiva con piccoli segnali di allerta relativi alla trasmissione", concludono gli autori del report. "Al momento i dati confermano l'opportunità di mantenere le misure di prevenzione e controllo già adottate dalle Regioni e Province autonome. E' necessario mantenere elevata la resilienza dei servizi territoriali, continuare a rafforzare la consapevolezza e la compliance della popolazione, realizzare la ricerca attiva e accertamento diagnostico di potenziali casi, l'isolamento dei casi confermati, la quarantena dei loro contatti stretti. Queste azioni - concludono gli esperti - sono fondamentali per controllare la trasmissione ed eventualmente identificare rapidamente e fronteggiare recrudescenze epidemiche".

  • Rissa con pistola, Questore Milano chiude circolo privato albanese
    Notizie
    Askanews

    Rissa con pistola, Questore Milano chiude circolo privato albanese

    Ordinanza di cessazione dell'attivit per il Mango Club di Rho

  • La conduttrice di Vieni da Me pronta a cambiare rete?
    Spettacolo
    notizie.it

    La conduttrice di Vieni da Me pronta a cambiare rete?

    Caterina Balivo passa a Mediaset? Ecco la risposta.

  • Quali azioni ci espongono di più al contagio da coronavirus
    Notizie
    AGI

    Quali azioni ci espongono di più al contagio da coronavirus

    La Texas Medical Association ha redatto una lista di azioni assegnando a ognuna di esse un punteggio per classificarle in base alla pericolosità di contagio da COVID-19.Partendo da quelle meno pericolose, aprire la posta è un'azione che si può compiere con la massima serenità, un punto in più in termini di gravità per il fare benzina, giocare a tennis, ordinare cibo take away o andare in campeggio.Lontane dalla zona rossa anche altre azioni che siamo abituati a svolgere nel quotidiano come fare la spesa o passeggiare e correre all'aperto. Sono considerate ancora azioni “moderatamente basse” alloggiare in hotel per due notti, sedere in sala d'attesa dal medico, andare in biblioteca o al museo, mangiare in un ristorante all'aperto o camminare in un luogo affollato.La linea si tinge di giallo quando parliamo di cenare a casa di altre persone, andare in spiaggia e fare acquisti in un centro commerciale. Lavorare in ufficio è un'attività una tacca più pericolosa, così come la scuola per i figli e nuotare in una piscina pubblica.La situazione si fa più seria quando si tratta di andare dal barbiere o dal parrucchiere, così come cenare fuori al chiuso, partecipare a matrimoni o funerali, viaggiare in aereo, praticare sport di contatto come calcio o basket e salutare con strette di mano e abbracci i propri amici.Attenzione ai massimi livelli quando andiamo in palestra, al cinema o al teatro; attenti anche ai grandi concerti, quando ricominceranno, è chiaro, allo stadio, attività ancora negata, e a cerimonie con oltre 500 partecipanti; insomma, tutte quelle attività che prevedono un assembramento eccessivo. Anche mangiare e frequentare nei bar è considerata attività particolarmente a rischio.

  • Milano, fermata banda ladri 'acrobati': tra loro c'è autore omicidio vigile
    Notizie
    Adnkronos

    Milano, fermata banda ladri 'acrobati': tra loro c'è autore omicidio vigile

    La Polizia di Stato, a conclusione di una complessa attività investigativa condotta dalla squadra mobile della Questura di Milano e coordinata dalla Procura della Repubblica, ha fermato una banda di ladri 'acrobati' di origine rom che depredavano lussuosi appartamenti del centro storico. Tra questi, anche l'uomo che il 12 gennaio 2012 travolse e uccise un'agente della polizia locale. In considerazione della loro mobilità sul territorio e per mettere fine alle loro scorribande criminali, il procuratore aggiunto L. Pedio e il sostituto procuratore F. Crupi, che hanno coordinato le indagini, hanno emesso un decreto di fermo di indiziato di delitto nei confronti di D.A., nato nel 1994, J.M, nato nel 1997, e N.R, nato nel 1994, tutte persone con numerosi alias e precedenti penali e di polizia. Tutti e tre sono ritenuti responsabili di alcuni furti consumati nel periodo di febbraio e marzo circa all'interno di lussuosi appartamenti nel centro di Milano, grazie ai quali sono riusciti a sottrarre ingenti somme di denaro, gioielli ed effetti personali, dal valore complessivo superiore a 200.000 euro. I furti avvenivano nelle ore notturne quando i rei, sfruttando l'assenza delle vittime, riuscivano a introdursi all'interno degli appartamenti forzando i vari punti di accesso, spesso arrampicandosi lungo le grondaie od attraverso i tetti. Gli indagati sono stati rintracciati presso le loro temporanee dimore, tra cui il campo nomadi di via Fogazzaro n. 9 a Corbetta (Mi). Tra i fermati spicca la figura di N.R., che il 12 gennaio 2012, quando era ancora minorenne, a Milano, piazza Emilio Alfieri, all'interno del parcheggio delle ferrovie nord, alla guida di una Bmw X5, non fermandosi all'alt, aveva travolto e ucciso un agente della polizia locale. Per questo reato, dopo essere fuggito all'estero, è stato poi arrestato e condannato a una pena definitiva di anni 9 mesi 8 di reclusione. Lo scorso febbraio, dopo aver terminato la misura alternativa a cui era sottoposto, ha immediatamente ripreso le attività predatorie, oggetto delle indagini della Squadra mobile milanese e contestate nel decreto di fermo emesso dalla Procura della Repubblica di Milano. Nel corso delle perquisizioni, è stata sequestrata la somma contante complessiva di 8mila euro e un piccolo lingotto in oro, nonché abiti e numerosi gioielli di marca (Rolex, Cartier, Bulgari, Tiffany, Gucci e Versace). A carico degli stessi sono stati sequestrati anche gli indumenti utilizzati durante i furti contestati, a riscontro dell'attività investigative svolta.

  • Meteo, weekend tra blitz di temporali e caldo afoso
    Notizie
    Adnkronos

    Meteo, weekend tra blitz di temporali e caldo afoso

    Fino a sabato pomeriggio l’anticiclone riuscirà a proteggere l’Italia garantendo giornate soleggiate e molto calde. Successivamente l’ingresso di venti forti di Bora accompagnerà una perturbazione di temporali e grandinate che colpirà principalmente il Nord. Il team de iLMeteo.it comunica che nelle prossime ore il caldo aumenterà ulteriormente con temperature massime che potranno toccare i 36-37°C sulla Lombardia orientale, in Emilia, in Toscana, in Puglia e sulla Sicilia. Il sole sarà prevalente a parte qualche temporale in arrivo sull’arco alpino, segno di un cedimento dell’alta pressione. Già dalle prime ore di sabato il tempo sarà piuttosto instabile sulle Alpi e alte pianure lombarde con rovesci o temporali a carattere sparso.  I temporali nel corso del pomeriggio e sera scenderanno fin sulle zone pianeggianti e coste di Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia Romagna e poi sulla Lombardia. Sono attese locali grandinate. In serata faranno irruzione venti di Bora che soffieranno fino a 50-60 km/h sul Nordest. Continuerà ad essere soleggiato e molto caldo sul resto d’Italia. Domenica il tempo migliorerà decisamente, ma il clima sarà meno caldo e più ventoso al Nord, in Toscana e su tutti i versanti adriatici. A parte qualche piovasco sul Piemonte occidentale, sulle Marche e sui rilievi abruzzesi il tempo sarà in gran parte soleggiato. Il team de iLMeteo.it avvisa che nella prossima settimana l’anticiclone proverà di nuovo a riconquistare l’Italia, soltanto sull’arco alpino il tempo sarà più instabile con alcuni temporali. Sul resto delle regioni invece il sole sarà prevalente a parte qualche annuvolamento in più al Nord. Sotto il profilo delle temperature i valori massimi saranno sotto la media del periodo sulle regioni settentrionali e sui versanti adriatici (venti da nord/nordest) almeno fino a mercoledì, successivamente torneranno in linea con il periodo.

  • Annamaria: "Non ha senso che sto qua"
    Notizie
    notizie.it

    Annamaria: "Non ha senso che sto qua"

    Delusa dal comportamento di Antonio, Annamaria ha manifestato l'intenzione di voler lasciare il programma

  • Si tratta di un locale storico a Dolo
    Notizie
    notizie.it

    Si tratta di un locale storico a Dolo

    Chiuso immediatamente un sushi-bar a Venezia per la troppa sporcizia: presenti topi e insetti in cucina.

  • Bologna, nuovo focolaio in azienda di logistica
    Notizie
    Adnkronos

    Bologna, nuovo focolaio in azienda di logistica

    Nuovo focolaio di coronavirus a Bologna. Accade, come riporta l'edizione di 'Bologna' di 'la Repubblica', nella "sede della Tnt di via della Salute" ed è la "stessa azienda a confermarlo a Repubblica: 'All’esito dei tamponi effettuati da parte dell’Asl tra alcuni dei lavoratori, ci sono stati, al momento, riferiti 18 casi di positività al contagio, tutti riguardanti soggetti asintomatici. I test sugli altri lavoratori del sito sono ancora in corso'".  Come riporta il quotidiano, "l’inchiesta epidemiologica del dipartimento di Sanità pubblica – che già a giugno aveva fatto un’ispezione alla Tnt – è iniziata dopo la scoperta di due lavoratori positivi. Tra mercoledì e ieri è partita una campagna di tamponi a tappeto nei confronti di 220 dipendenti. Una maxi azione preventiva sul modello di quello che è stato fatto in zona Roveri o al centro migranti di via Mattei. Oggi si aspettano i risultati ufficiali dell’Ausl". "Tnt-Fedex spiega - prosegue 'la Repubblica' - che 'sono state immediatamente attivate tutte le misure previste dalla normativa di legge e dai protocolli di sicurezza adottati dalla nostra società per la tutela della salute e la limitazione della diffusione del contagio. Sin dall’insorgenza dell’emergenza sanitaria, l’azienda ha sempre operato per tutelare la sicurezza e la salute di tutti i lavoratori'".

  • Notizie
    AGI

    Mezzo milione di fedeli in fuga, cosa succede alla Chiesa in Germania?

    AGI- Abbandonare la Chiesa è facile facile in Germania. Basta compilare l'apposito formulario, pagare una piccola somma per la conseguente procedura burocratica e firmare: il gioco è fatto. Il piccolo dettaglio che sta gettando nel panico le massime autorità religiose del Paese è che nel corso degli ultimi dodici mesi l'hanno fatto oltre 540 mila tedeschi, equamente suddivisi tra la chiesa cattolica e quella evangelica, ossia un'emorragia di circa 270 mila fedeli cadauna.Mezzo milione di "fuoriusciti", mezzo milione di persone che non solo decidono di allontanarsi dalla vita religiosa del Paese, ma sentono l'impellenza di registrarlo ufficialmente, con tutti i crismi: è l'equivalente della popolazione di una grande città come Hannover o Dresda, calcola Tilmann Kleinjung sull'emittente Br. Che aggiunge: "Non bisogna essere dei profeti per capire che nel giro di pochi anni i cristiani in Germania saranno una minoranza".Un "esodo di massa", lo chiama il giornalista tedesco, uno dei maggiori esperti di cose religiose nella patria di Goethe e di Beethoven. È un allarme rumoroso, che attraverso diagonalmente tutto il Paese, che modifica l'idea che la Germania ha di se stessa."Deploro ogni singola uscita", dice il presidente del Comitato centrale dei cattolici tedeschi, Thomas Sternberg, all'agenzia di stampa cattolica Kna. La sua diagnosi è spietata: "Le persone voltano le spalle alla Chiesa, alla quale hanno appartenuto per tanti anni, perché sono arrabbiati per l'accumulo di riforme mancate e perché non si fidano più di lei".Lo scenario che fornisce il vescovo di Wuerzburg, Franz Jung, è più largo: "C'è una crescente polarizzazione della società, nella quale la comunicazione diventa sempre più greve", con il risultato che un confronto reale "è sempre piu' difficile", dato che "invece di soluzioni differenziate si preferiscono spiegazioni semplici, prediligendo immagini nemiche e teorie cospirazioniste".La Chiesa, invece, dovrebbe occuparsi di più dei bisogni reali sul territorio, e "prendere atto della disperazione del mondo", che per quanto riguarda la Chiesa equivale a dire che vi sono state lacune sinanche nell'affrontare "il tema degli abusi". Cosa succede in GermaniaKleinjung spiega che ormai "neanche a Natale le persone vanno più in chiesa, e quando ricevono lo stipendio si chiedono: perché sono ancora membro? Che le chiese attraverso gli scandali degli abusi e finanziari del passato abbiano danneggiato a lungo termine la propria immagine ovviamente rende a molti più facile la decisione di andarsene".Dunque urge un deciso cambio di passo, ammette il presidente del consiglio della Chiesa evangelica tedesca (Ekd), Heinrich Bedford-Strohm, parlando con il domenicale della Bild: "Non possiamo aspettare che le persone tornino nelle nostre chiese e nelle nostre comunità. Dobbiamo andare fuori noi, là dove si svolge la quotidianità delle persone. La Chiesa deve allargare le braccia, essere sul posto quando scatta l'emergenza, dobbiamo immischiarci, protestare e aiutare concretamente, se i profughi affogano nel Mediterraneo e tutti stanno solo li' a guardare".Dati alla mano, le prospettive sono fosche per i cristiani in Germania: l'economista Bernd Raffelhueschen ha calcolato che entro il 2060 solo un quarto degli abitanti della Germania faranno parte di una delle due chiese. Oggi la maggior parte lascia ufficialmente la propria confessione intorno ai trent'anni, come conferma anche la teologa evangelica Isolde Karle, in particolare al giro di boa della prima dichiarazione dei redditi: secondo lei, i giovani tendono venire meno alla socializzazione religiosa, e pertanto "escono quando non capiscono più perché mai dovrebbero finanziare la Chiesa".Facile immaginare che il coronavirus porterà presto una nuova mazzata: "Durante la pandemia le Chiese non sono state abbastanza visibili", afferma ancora la teologa. E se, d'altra parte, prevarrà il "business as usual", il rischio è che la chiesa cristiana si riduca ad essere "una setta", incalza Kleinjung, "una comunità composta solo da persone già convinte".In termini simili si esprime il cardinale Reinhard Marx, che fino allo scorso marzo era presidente della Conferenza episcopale tedesca: "È importante che torniamo ad imparare, non solo dai propri testi, dalla propria tradizione, ma anche dalla storia dell'uomo, dai movimenti per la liberazione, così come dalle scoperte scientifiche", ha spiegato al Deutschlandfunk. "Per qualcuno ancora oggi è strano che anche la Chiesa debba ancora imparare qualcosa". Una sfida enorme, forse esistenziale.

  • Italia blocca ingressi da 13 Paesi
    Salute
    Adnkronos

    Italia blocca ingressi da 13 Paesi

    Stop agli ingressi in Italia per chi arriva da Paesi a rischio Covid. E' quanto stabilito da un'ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, sentiti i ministri degli Affari Esteri, dell'Interno e dei Trasporti.  L'ordinanza dispone il "divieto di ingresso e di transito in Italia alle persone che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o sono transitati nei seguenti Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana". Al fine di garantire un adeguato livello di protezione sanitaria, sono sospesi anche i voli diretti e indiretti da e per i Paesi sopra indicati, fa sapere il ministero di Lungotevere Ripa in una nota. "Nel mondo la pandemia è nella sua fase più acuta. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi. È per questo - spiega Speranza - che abbiamo scelto la linea della massima prudenza". “Le misure adottate dal ministro della Salute sono molto importanti al fine di mantenere i risultati raggiunti in questi mesi ed evitare che casi importati possano generare focolai difficili da controllare”, ha affermato il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, aggiungendo: “Dobbiamo ricordarci che in molti paesi del mondo la circolazione del virus e ancora elevata”.  "Condivido al 100% l'ordinanza" sul divieto d'ingresso per chi arriva da Paesi a rischio: "Bravo Speranza. E questo vista la situazione Italia dove si registrano sempre meno ricoveri Covid-19 e chiudiamo i reparti di terapia intensiva dedicati. Abbiamo dei focolai, che però controlliamo molto bene. E' chiaro quindi che non possiamo permetterci di importare varianti di virus diversi con cariche diverse e magari più aggressive". A parlare all'Adnkronos Salute è Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e presidente della Società italiana di terapia antinfettiva (Sita), che commenta l'ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza. "Non è una questione di rivalsa o di vendetta verso altri Paesi - aggiunge Bassetti - ma semplice tutela della salute pubblica. Mi pare un atteggiamento molto corretto da chi, in qualche modo, ha imparato 'la lezione' rispetto ad un periodo in cui queste misure non sono state prese. Ben ben vengano, quindi, se si prendono adesso, ma devono valere anche per le triangolazioni dei voli da altri Paesi verso l'Italia. Immagino occorra anche una collaborazione da parte delle altre autorità Ue ed extra Schengen. E poi - conclude - magari andrebbero previste delle sanzioni se si aggirano questi divieti".  Pregliasco: "Bene l'ordinanza di Speranza"