Cinema: da domani in sala 'Dark Shadows' di Tim Burton

Londra, 10 mag. (Adnkronos/Cinematografo.it) - C'era una volta 'Dark Shadows', piu' soap che serie tv, terminata nel 1971 dopo 1225 puntate per l'ABC e due film (senza contare il remake televisivo del 1991). Protagonista la giovane istitutrice orfana Victoria Winters, che accetta di trasferirsi nel Maine per lavorare presso i Collins, isolati in una fatiscente e sontuosa dimora. L'autore Dan Curtis aveva avuto un'idea: quando gli ascolti stavano precipitando era spuntato fuori un parente dei Collins, redivivo e per di piu' vampiro. Che invece di sparire dopo poche puntate, si era trasformato nel personaggio cult di 'Dark Shadows'.

Tre anni fa Johnny Depp ha acquistato i diritti della serie e l'ha consegnata a Tim Burton. Nelle sue mani la storia si e' trasformata in una fantacommedia gotica, a meta' tra la Famiglia Addams e Dracula di Coppola, con gag e trovate geniali, una per tutte: l'ex ricco playboy Barnabas (Johnny Depp) si risveglia e si ritrova vampiro nel mondo del XX secolo, circondato da macchine e altre cose incomprensibili, la prima cosa che gli appare e' una M gigante, "Mefistofele" urla spaventato. In realta' e' incappato nel simbolo della catena di hamburger piu' famosa del mondo.

"Siamo negli anni 70, un'epoca strana - spiega Tim Burton -, di passaggio generazionale e surreale. Per me e per Johnny un periodo di transizione dall'infanzia all'adolescenza. A distanza di piu' di vent'anni dal nostro primo set ('Edward mani di forbice'), continuo a pensare che ci sia qualcosa di speciale in lui, riesce ancora a stupirmi".

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno