Cinema: Giuliano Sangiorgi diventa attore nel film di Veronesi

·2 minuto per la lettura
Cinema: Giuliano Sangiorgi diventa attore nel film di Veronesi
Cinema: Giuliano Sangiorgi diventa attore nel film di Veronesi

Roma, 18 dic. (Adnkronos) – "Giuliano ha fatto l’attore, signore e signori. Nei titoli ho scritto 'Per la prima volta sullo schermo il piccolo Giuliano Sangiorgi'". Giuliano Sangiorgi e Giovanni Veronesi sono stati insieme ospiti su Radio 105 all’interno di '105 Mi Casa', il programma di Max Brigante in onda anche su Radio 105 Tv (canale 157 del Ddt). L’occasione era la presentazione del film 'Tutti per 1 – 1 per tutti', il nuovo lavoro di Giovanni Veronesi con protagonisti Pierfrancesco Favino, Valerio Mastandrea, Rocco Papaleo, Margherita Buy che andrà in onda su Sky la sera di Natale.

"La verità è questa: non riuscivo a fare le musiche del film perché stavo lavorando al mio disco e allora Giovanni mi ha fatto fare il casellante", ha spiegato il frontman dei Negramaro. "Non lo considero un esordio perché sennò dovrei immaginare di avere una strada da proseguire. Per me è un momento magico che Giovanni mi ha regalato e lo ringrazio, è stato bellissimo sentirmi innanzitutto parte di un cast incredibile; Valerio, Picchio (Pierfrancesco Favino, ndr), Rocco e Margherita sono stati incredibili di fianco a me, mi hanno dato una mano morale pazzesca in una giornata lunga di riprese, e poi Giovanni è il regista di commedie più grande. Stare in un cast vero di persone serie, con i migliori attori, un grande regista, una troupe pazzesca incide molto nella cosa che poi fai. Se non la fai bene, ti mandano loro a casa subito".

"Nel film c'è tanto di me, c'è tanto di me da bambino -ha detto Veronesi- ci ho messo i giochi che facevo e ci ho messo anche un incubo che ho fatto tante volte da piccolo che era quello dei miei genitori che mi lasciavano all'orfanotrofio, ed è una delle scene più toccanti del film. Il film è un family, un film per tutte le famiglie perché i protagonisti veri sono due bambini. C'è tutto un mondo dell'infanzia che nell'altro film era rimasto nella penna".