"Cinema", il nuovo film di Abel Ferrara con Willem Dafoe -2-

red/Mgi

Roma, 24 lug. (askanews) - Spiega Abel Ferrara: "Dopo Pasolini questa storia ha iniziato a prendere forma nella mia mente: immagini assurde, a dir poco strane, lontane dalla citt, lontane dalla modernit. Le ho lasciate scorrere dentro di me. Un posto, una sorta di universo alla Jack London, mute di cani, una serie di incontri e di soste nel corso di un viaggio, segnati da luoghi e tempi selvaggiamente diversi. Non ho tentato di scrivere una sceneggiatura perfetta, ma al contrario di raccogliere queste immagini attingendo alla memoria, cercando di creare delle opportunit, di provocare il nostro modo di pensare, di comporre un'esperienza da registrare, sperando che sia abbastanza trasparente e piena di vita da risuonare negli spettatori. Cose che a volte sono difficili da spiegare, ma che sempre interessante tradurre in un'esperienza puramente cinematografica. Questo non un addio a quello che ho fatto e abbiamo fatto sino ad ora - una continuazione. A partire dal mio primo film mi sono immerso sempre pi nell'oscurit. Nutro un grande desiderio per quello che il cinema pu essere".

Aggiunge il distributore Franco di Sarro per Nexo Digital: "Siamo molto felici che proprio questo film, particolarmente apprezzato al Festival di Berlino, sia uno dei primi a tornare in sala: speriamo che si trasformi in un'occasione di incontro per tutti gli amanti della cinematografia di Abel Ferrara e che rappresenti un segnale di ripartenza per tantissime sale sul territorio".

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.