Cinema in lutto: è morta l'attrice Catherine Spaak

·2 minuto per la lettura
Cinema in lutto: è morta l'attrice Catherine Spaak (Photo by Rino Petrosino/Mondadori via Getty Images)
Cinema in lutto: è morta l'attrice Catherine Spaak (Photo by Rino Petrosino/Mondadori via Getty Images)

SFOGLIA ANCHE LA GALLERY: MORTA CATHERINE SPAAK: LE SUE FOTO PIU' BELLE

Una Pasqua triste per il mondo del cinema: è morta l’attrice e conduttrice televisiva Catherine Spaak. Aveva 77 anni ed era malata da tempo. Nel 2021 era stata colpita da una emorragia cerebrale.

LEGGI ANCHE: È morta Catherine Spaak

Nata in Belgio il 3 aprile 1945, Catherine Spaak era diventata famosissima in Italia a partire dagli anni Sessanta.
Il debutto nel cinema a soli 15 anni nel film "Dolci inganni" di Alberto Lattuada, che la consacrò nel ruolo di adolescente spregiudicata. Era il 1960 e Catherine Spaak turbò l'Italia con il suo personaggio della "ninfetta". Ma la vera fama arrivò due anni dopo, prima con il film "La voglia matta" e subito dopo con "Il sorpasso" di Dino Risi.

LEGGI ANCHE: Catherine Spaak: "Ho avuto una emorragia cerebrale. Ho perso la vista e non riuscivo a camminare"

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Addio Letizia Battaglia, con la sue fotografie raccontò la mafia

Una vita sentimentale movimentata: Catherine Spaak è stata sposata prima con l’attore Fabrizio Capucci, conosciuto negli Anni '60 sul set del film "La voglia matta" e da cui ha avuto una figlia, Sabrina, e poi, dal 1972 al 1979, con il cantante Johnny Dorelli, da cui ha avuto il figlio Gabriele. Dal 1993 al 2010 è stata sposata con l'architetto Daniel Rey. Nel 2013 si è sposata con Vladimiro Tuselli. Il 2 giugno 2020 l'attrice ha dichiarato alla trasmissione "Io e te" di essere tornata single.

LEGGI ANCHE: Vieni da me, Catherine Spaak rimprovera la Balivo: “Che scandalo”

Eclettica, Catherine Spaak ha lavorato nel cinema, nel mondo della musica, nel giornalismo e in tv. Ha recitato nei film “La noia” (1963) di Damiano Damiani, “La bugiarda” (1964) di Luigi Comencini, “L’armata Brancaleone” (1966) di Mario Monicelli, “Adulterio all’italiana” (1966) di Pasquale Festa Campanile, “Febbre da cavallo” (1976) di Steno.

LEGGI ANCHE: Catherine Spaak: "Subii bullismo sul set dell'Armata Brancaleone. Girare quel film fu atroce"

In televisione ha condotto dal 28 settembre 1985 al 1988 le prime tre edizioni di "Forum" con il giudice Santi Licheri, e poi più di 15 edizioni di "Harem", dove ha conquistato il pubblico con la sua eleganza e raffinatezza. Nel 2002-2003 ha lavorato come conduttrice televisiva su LA7 nella trasmissione "Il sogno dell'angelo", un talk show incentrato sulla spiritualità. Nel 2007 ha partecipato come concorrente a "Ballando con le stelle", ma è stata eliminata alla terza settimana. Nel 2015 è stata una dei concorrenti della decima edizione del reality show "L'isola dei famosi".

LEGGI ANCHE: Catherine Spaak: "Ho avuto un'emorragia cerebrale"

Era stata lei stessa a rivelare in una intervista di avere avuto una emorragia cerebrale. "Ho perso la vista e non riuscivo a camminare", aveva spiegato, "ora ne rido, bisogna prendere le cose con leggerezza". Catherine Spaak aveva anche aggiunto: "La malattia, il dolore non sono una vergogna". Quindi, aveva ringraziato medici e infermieri che l'avevano rimessa in piedi, definendoli "angeli" perché l'avevano salvata: "A gennaio non vedevo più, non sapevo più camminare, avevo perso la vista". Ora la terribile notizia: Catherine Spaak non c'è più e il cinema piange.

LEGGI ANCHE: Il ferragosto di Dino Risi: il sorpasso di un'Italia che non c'è più

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli