Cinema, pace fatta in tribunale tra Gabriele e Silvio Muccino

Nav

Roma, 14 gen. (askanews) - Pace fatta tra Gabriele e Silvio Muccino. Il regista ed autore cinematografico ha deciso di ritirare la querela nei confronti del fratello minore. E così il giudice monocratico del tribunale di Roma, oggi, ha definito conclusa la vicenda.

Nei mesi scorsi - si ricorda - Silvio era stato rinviato a giudizio per diffamazione. Oggetto della querelle era quanto riferito dal giovane attore e autore durante una trasmissione televisiva nell'aprile 2016. In particolare Silvio aveva accusato Gabriele di aver picchiato l'ex moglie Elena Majoni, descrivendolo quindi come una persona violenta e sostenendo che nel 2012 avesse colpito con uno schiaffo la donna, perforandole il timpano.

Il penalista Carlo Longari, che ha rappresentato la parte civile Gabriele Muccino, ha spiegato: "Il mio assistito ha deciso di ritirare la querela. Si è comportato da fratello maggiore chiudendo una vicenda che lo aveva molto ferito". L'avvocato Michele Montesoro, che ha difeso Silvio Muccino, ha detto: "La brutta lite tra fratelli è stata composta. Adesso potranno continuare la loro professione senza dover comparire in tribunale".