Cinema, per Rambo ecco il prequel: è scritto a Vicenza

Nav

Roma, 1 ott. (askanews) - "Signor Stallone, se mai dovesse un giorno realizzare il prequel di Rambo cui ha accennato in questi giorni, non ho dubbio alcuno che avrà la possibilità di lavorare con gli scrittori migliori del mondo, e che io non lo sono". Comincia così la lettera inviata dal giovane autore italiano Marcello Avanzo alias Wallace Lee al grande Sly, volto dell'indimenticabile reduce della guerra del Vietnam.

Con oltre 10mila download gratuiti su internet i 6 libri sul 'Baker Team' sono un punto di riferimento per i fan di Rambo. Ma ad alimentare, adesso, le speranze di Avanzo/Lee - ammette lui stesso - sono alcune dichiarazioni rilasciate proprio da Stallone in occasione dell'uscita in sala di 'Last blood' nelle sale italiane dove ha salutato come "un'ottima idea" per un "possibile" prequel di Rambo.

Avanzo/Lee, riprendendo alcuni dei caratteri accennati nel lungometraggio e sottolineando una serie di punti in qualche modo non risolti del libro di David Morrell che ha dato vita al personaggio Rambo delineando una storia mai raccontata del giovane John nella 'sporca guerra' e della tragica fine della sua squadra. Lo sforzo di Avanzo/Lee è stato accolto bene dalla critica. Buone parole sono state spese dal presentatore della Bbc, Lindsay Johns; da Tobias Hohman (critico e biografo cinematografico Tedesco); da Eoin Friel (giornalista americano di cinema).

Avanzo/Lee ha avuto anche uno scambio con David Morrell, che da parte sua ha dato il via libera a questa saga, imponendo comunque l'uscita esclusivamente gratuita. Il fatto poi che ormai da diverso tempo grazie alla fruizione di testi su computer, cellulari ed E-reader come Kindle e Kobo, la storia di Rambo prima di Rambo è quella che non può mancare sul portatile. Specie se ami quel personaggio per molti versi sfortunato ritratto nel primo film.

La speranza per Avanzo/Lee è ben descritta. Perché lo scrittore vicentino cerca solo una "possibilità, dopo tanti anni di tanto lavoro". Lui cerca - in fondo - "quella possibilità di cui tante volte lei ha parlato nei suoi film, e che in vent'anni da scrittore non ho mai avuto". Insomma - aggiunge - "senza i sogni, non resterebbe nulla in questa vita".