**Cinema: Pieraccioni, 'ci vorranno 10 anni per parlare di covid con leggerezza in un film'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 15 mag. (Adnkronos) – "La pandemia una cosa talmente terribile, pericolosa e brutta che ci vorranno dieci anni per raccontarla in maniera leggera in una commedia. In tutti i film che si stanno girando pare che non ci sia, che non se ne parli, evidentemente è un modo di esorcizzare da parte di chi fa cinema questa terribile pandemia". A dirlo è Leonardo Pieraccioni, intercettato dai cronisti all'uscita dell'hub del Mandela Forum di Firenze dopo aver fatto il vaccino contro il covid.

Sul suo prossimo film, rimandato a causa della pandemia, il regista toscano ha aggiunto: "Girerò il mio film il 15 giugno, ('Il Sesso degli Angeli, ndr), così il prossimo anno la gente sarà sicura. Già da settembre le persone dovrebbero essere più tranquille nell'andare al cinema, e ancora di più mi auguro lo saranno per gennaio o febbraio, quando dovrebbe uscire il mio film". "Ovviamente -ha aggiunto Pieraccioni- stiamo sul set con tutte le precauzioni del caso, io credo di aver fatto ormai già 168 tamponi".