Cinema: ‘Tulipani di Seta Nera’, i corti selezionati per il Festival (4)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – “Dobbiamo fare il nostro lavoro – ha dichiarato Giulio Lo Iacono segretario dell’Asvis (Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile), che è partner del Festival – con tutti gli strumenti possibile, comunicando anche a livello culturale: crediamo per tanto in questa partnership, perché la sostenibilità va raccontata attraverso nuovi format per raggiungere il pubblico. E il cinema può servire a superare la crisi, a risolvere i problemi ambientali, come il cambiamento climatico, per la parità di genere, l’inclusività, il lavoro dignitoso. Crediamo che queste contaminazioni siano fondamentali per sensibilizzare l’opinione pubblica”.

Altro partner fondamentale di ‘Tulipani di Seta Nera’ è‘ l’Inail, che, attraverso le parole del presidente Franco Bettoni ha sottolineato il "ruolo sociale del Festival, quello di sostenere momenti di riflessione su lavoro e salute e di coinvolgere i giovani”. Bettoni si detto contento dell’apprezzamento ricevuto anche per il tema del lavoro dei riders. “Lo stress lavorativo, la sicurezza nel lavoro, le morti bianche, il reinserimento nel mondo del lavoro dopo gli infortuni, la valorizzazione delle diversità, presenti nei film selezionati, sono i nostri valori, i nostri temi”, ha dichiarato Valeria Piatti dell’Ufficio Comunicazione dell’Inail.

Uno sguardo anche sul turismo duramente colpito dalla pandemia, nei corti selezionati. Lo evidenzia il presidente dell’Enit Giorgio Palmucci, sottolineando l’impatto che il Covid ha avuto “nei viaggi in Italia come nel cinema e a tutto ciò che a questi è collegato. Riteniamo che il cinema sia utile a trasmettere un messaggio che riguarda il territorio. Il racconto del viaggio serve anche a proteggere il patrimonio del nostro paese, con tutti i borghi anche meno conosciuti e che sono da valorizzare e da promuovere”.