**Cinema: Vittorio De Sica, 120 anni fa nasceva il maestro del Neorealismo** (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Non solo neorealismo, però, per Vittorio De Sica. Nella sua lunga produzione c’è ancora spazio per altri generi ed altri film. E’ il caso de ‘La Ciociara’ del 1960, tratto dal romanzo omonimo di Alberto Moravia ed interpretato da Sophia Loren. Un ruolo che le è valso il Nastro d'argento, il David di Donatello, la Palma d'oro al Festival di Cannes e il Premio Oscar per la miglior attrice. Un altro film da Oscar è ‘Ieri, oggi e domani’ (1963), interpretato ancora dalla Loren e Marcello Mastroianni.

Pellicola che rappresenta i principi della commedia all’italiana, il film fu premiato nel 1965, come migliore film straniero. Indimenticabile la scena dello spogliarello della Loren di fronte ad un Mastroianni rapito dal fascino femminile esercitato dall’attrice. Dopo ‘Matrimonio all’italiana’ del 1964, soggetto tratto da ‘Filomena Marturano’ sempre con la coppia Loren-Mastroianni, De Sica ha poi ottenuto un ulteriore premio Oscar per il film del 1970 ‘Il Giardino dei Finzi Contini’, tratto dall’omonimo romanzo di Giorgio Bassani, premiato anche con l'Orso d'oro al Festival di Berlino del 1971. L'ultimo film di De Sica è la riduzione di una novella di Luigi Pirandello, 'Il viaggio', che risale al 1974 e vede protagonisti Sophia Loren e Richard Burton.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli