Cingolani: i rischi che correremo il prossimo inverno senza gas russo

gas russo
gas russo

Il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani avverte: nel caso in cui l’Italia fermerà l’importazione del gas russo, il prossimo inverno potremmo avere dei problemi. Il ministro ha recentemente affermato: “Siamo in un’economia di guerra” e ancora: “Su un secondo Recovery la commissione sta discutendo perché si sta facendo avanti una questione europea”. In poche parole si dovrà affrontare una corsa contro il tempo per riempire le riserve al fine di limitare i danni futuri. A detta di Cingolani i prossimi 6-8 mesi saranno fondamentali. Le riserve di gas In Italia sono a un soffio del 40%, ma è necessario arrivare al 90% entro l’autunno, per affrontare l’inverno con più serenità.

Gas russo, Cingolani: le conseguenze dell’economia di guerra

Roberto Cingolani ha spiegato: “In questa economia di guerra alcuni Paesi saranno molto più colpiti da queste scelte energetiche di altri”. Assieme alla Germania, l’Italia è tra i maggiori stati europei a utilizzare il meno inquinante tra i fossili, il gas appunto.

Cosa ci attende il prossimo inverno

Roberto Cingolani ha precisato: “I punti fondamentali sono i prossimi 6-8 mesi. Dovesse esserci uno stop di fornitura russa ora, in tempi brevi, sarebbe un problema per il prossimo inverno” e inoltre: “Se le forniture non saranno interrotte nei prossimi sei mesi, avremo un inverno tranquillo. Se si dovesse interrompere prima, arrivare all’inverno con gli stoccaggi vuoti sarebbe un problema”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli