Cinque locali chiusi a Roma dopo i controlli nella zona della movida

·1 minuto per la lettura

AGI - Nottata di controlli anti-Covid dei carabinieri tra piazza Bologna e il quartiere Nomentano, a pochi metri dell'università La Sapienza, nelle zone della movida romana. Sono 6 i locali risultati non in regola: in particolare, per 5 di questi, tutti compresi tra viale Ippocrate e piazza Bologna, oltre alle sanzioni amministrative dell'importo di 400 euro ciascuno, è scattata la chiusura dai 2 ai 5 giorni, poiché i militari della Compagnia Roma Parioli hanno riscontrato afflussi di clienti tali da non rendere possibile il distanziamento sociale minimo imposto dalle disposizioni per il contenimento dell'epidemia da Covid-19.

Nel sesto negozio, anche questo un bar di piazza Bologna, i carabinieri del Nas hanno riscontrato violazioni in relazione all'igiene. Per questo è scattata una multa di 4 mila euro. Un cittadino del Bangladesh, gestore di un minimarket della zona di via Ernesto Modici, è stato scoperto dai Carabinieri mentre stava continuando a vendere alcolici dopo le ore 24.

Per lui è scattata una pesante sanzione di 6 mila e 666 euro. Quindici persone, invece, sono state pizzicate mentre erano in strada in possesso di bevande alcoliche, fattispecie vietata dal Regolamento di polizia urbana del Comune di Roma: in questa circostanza, 8 studenti universitari sono stati segnalati all'Ufficio Territoriale del Governo dopo essere stati trovati in possesso di modiche quantità di marijuana, per uso personale. Nel dispositivo di controllo sono state effettuate verifiche su una sessantina di persone e su oltre 40 veicoli. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli