Cinque ore di smartphone al giorno possono renderti obeso

Yahoo Notizie International
[Getty]

Troppo smartphone fa ingrassare. Lo dice uno studio effettuato da un team di ricerca della Simón Bolívar University di Baranquilla, in Colombia. La ricerca è stata resa nota durante una conferenza dell'America College of Cardiology, e ha riguardato 1.060 studenti di entrambi i sessi (700 femmine e 360 maschi) e di età compresa tra i 19 e i 20 anni. Tutti erano a rischio sovrappeso o addirittura obesità. Ne è stato osservato l’utilizzo dello smartphone in un periodo compreso tra giugno e dicembre del 2018, e i risultati sono stati quantomeno allarmanti.

Sulla base delle osservazioni, gli studiosi hanno concluso che utilizzare lo smartphone per più di 5 ore al giorno è per il 43% una causa di aumento del rischio di obesità: si tratta di un tasso che è quasi il doppio di quello legato al consumo di cibi da fast food, snack o bibite zuccherate. Le ragioni sono semplici: l’uso dello smartphone avviene in condizioni di sedentarietà, togliendo tempo alle occasioni di movimento. E’ insomma la stessa dinamica che tiene attaccate al computer le persone, portandole a ingrassare sempre di più.

Allo studio devono essere ancora affiancate ricerche che ne validino le conclusioni. Tuttavia, le statistiche rilevate accendono i riflettori su un problema che rischia di trasformarsi in un allarme sanitario di portata globale. A oggi in tutto il mondo il rischio obesità riguarda circa 2 miliardi gli individui, e proprio lo smartphone è il dispositivo tecnologico più diffuso.

Il problema deve aver comunque solleticato la responsabilità delle aziende tech, che non esitano a installare nei propri software per gli smartphone funzionalità utili a stimolarne un uso responsabile. Sia iOS (Apple) sia Android (Google) sono sistemi operativi che integrano opzioni quali Tempo di utilizzo e Benessere digitale, che di massima permettono di programmare il tempo da dedicare all’uso del proprio telefono, bloccandolo quando lo si oltrepassa e costringendo così l’utente a fare altro. Naturalmente spetta a lui settare un tempo ragionevole di utilizzo, o fare due passi quando questo è scaduto. In questo, un programma di sensibilizzazione e di educazione all’uso della tecnologia è certamente più efficace di una sempre funzionalità.