Cioffi (Telefono Azzurro): serve Internet più sicuro per i minori

Red

Roma, 11 feb. (askanews) - ''Internet e' ormai uno strumento di uso quotidiano, per grandi e piccoli. Ma proprio per questo, proprio perche' sono i ragazzi, anche minorenni che ne fanno un grande uso, serve introdurre piu' sicurezza per evitare che attraverso questo canale si compiano abusi nei confronti dei minori. Quest'anno e' Napoli ad ospitare il SID italiano (Safer Internet Day ), giornata mondiale per la sicurezza in rete istituita dalla Comunita' Europea. Nel Museo Nazionale di Pietrarsa a Portici (Napoli), istituzioni, associazioni, studenti e docenti si confrontano sul tema dell'utilizzo da parte dei ragazzi del digitale e i rischi che esso comporta. Alla manifestazione e' presente Telefono Azzurro, da 8 anni membro del comitato esecutivo del SIC (Safer Internet Center) con la sua vicepresidente, l'on. Sandra Cioffi, da sempre in prima linea su queste tematiche.

Nel suo intervento Cioffi ha rivolto un forte appello a tutti i ragazzi invitandoli a chiedere aiuto se vittime di abusi o situazioni di disagio. ''Da 32 anni Telefono Azzurro, grazie al suo fondatore e Presidente, prof. Ernesto Caffo - ha sottolineato - si adopera per la tutela e la salvaguardia dei diritti dei bambini e adolescenti dando voce al loro bisogno di aiuto e di ascolto. E in questo progetto condiviso di ''Generazioni connesse'', (con chiaro riferimento all'uso di Internet - ndr) il nostro apporto riguarda principalmente il momento dell''ascolto'' attraverso le nostre linee telefoniche dell'19696 (helpline), il 114 (hotline), la ch@t, la rete, spazio vitale della vita relazionale, emotiva dei nostri adolescenti''.

Per questo motivo, ha continuato Cioffi, ''noi non possiamo abbassare il livello di attenzione e dobbiamo fare in modo che i nostri bambini, adolescenti, non provino disagio o senso di debolezza nel chiedere aiuto. Piuttosto nella condivisione trovino la sicurezza e la consapevolezza per diventare cittadini di un web positivo ''.