Cir: decreto migranti è un'ulteriore compressione dei diritti

Red/Cro/Bla

Roma, 4 ott. (askanews) - Il Consiglio Italiano per i Rifugiati (CIR) esprime forte preoccupazione per il decreto ministeriale presentato oggi dai ministri degli Esteri, Luigi Di Maio, e della Giustizia, Alfonso Bonafede, che si propone di accelerare i rimpatri attraverso l'introduzione della lista di Paesi sicuri.

Prima d'ora, il nostro Paese non aveva mai dato seguito all'introduzione della lista dei paesi di origine sicuri - contenuta nella Direttiva europea 2013/32 - perché la nozione di paese di origine sicuro è in contrasto con quella di diritto d'asilo individuale.

(Segue)