CIR: Paolo Andreucci racconta la Peugeot 208 Rally4

Giacomo Rauli

PSA Motorsport continua a spingere forte sul proprio reparto clienti come conferma l'arrivo della 208 Rally4, ossia la vettura che sostituirà la 208 R2 nei maggiori campionati nazionali ed europei. In Italia sarà Peugeot Sport Italia a portarla in gara con l'affermato equipaggio formato da Paolo Andreucci e Anna Andreussi, tornati a correre assieme dopo un anno sabbatico della navigatrice.

L'11 volte campione italiano rally ci ha spiegato le caratteristiche della nuova nata negli stabilimenti di PSA Motorsport di Satory, che lui stesso ha contribuito in maniera attiva a sgrossare e sviluppare nel corso delle ultime settimane attraverso tre sessioni di test su sterrato svolte in Portogallo.

Nuovo motore, più coppia

"Questa macchina rappresenta un passo avanti deciso nel motore, c'è una grossa differenza con la vettura precedente. Ora è un 1.2 turbo 3 cilindri, ma con una coppia fantastica. Praticamente un motore perfetto anche per i piloti meno esperti. Prima, con il motore aspirato, dovevi sempre essere al limite cercando di sfruttare tutti i giri motore perché i cavalli sono ad alto regime. Con questo motore ha già una coppia stupenda a 3.000 giri".

Motorsport.com

Motorsport.com

Motorsport.com

Motorsport.com

"Si può anche entrare non perfettamente con i giri motore perché ti consente di poter guidarla bene anche con una marcia più alta. Anche per i meno esperti, per chi inizia, è una macchina più facile. Addirittura sullo sterrato si possono affrontare i tornanti un po' più ampi in terza marcia. Prima si facevano in prima, mentre ora si può addirittura farli in terza. Le gomme hanno pattinamento, segno che si ha potenza e coppia".

Stabile sui dossi, sospensioni OK

Motorsport.com

Motorsport.com

"Abbiamo fatto sulla terra test di resistenza perché la macchina e il progetto sono completamente nuovi. Era importante vedere l'affidabilità della vettura per poi cercare di migliorarla e svilupparla. L'abbiamo messa sotto pressione in Portogallo su un terreno molto accidentato, con tanti dossi, perché essendo una vettura a trazione anteriore sulla vecchia si sentiva tanto l'anteriore sui salti, si andava abbastanza secchi sull'anteriore. Per ovviare a questo problema abbiamo fatto un grande lavoro e ora la nuova vettura è molto stabile sui dossi, ma anche sulle ripetizioni dei dossi. Dunque a livello di sospensioni è stato fatto un grande lavoro".

Motorsport.com

Motorsport.com

"La 208 Rally4 è basata sul modello di serie a 5 porte, differente dalla 3 porte della R2, ma il telaio è così fatto bene, così come il roll-bar, che non abbiamo trovato la minima variazione della vettura nemmeno in curve in cui la torsione del telaio era veramente forte. Per cui a livello di scocca non abbiamo rotto nulla, né supporti motore, né semiasse. Un ottimo inizio per la nuova vettura che ne certifica la solidità".